SpaceX mette in orbita quasi 6.000 satelliti Starlink dopo il lancio del Falcon 9 da Cape Canaveral – Spaceflight Now

Un razzo Falcon 9 sfreccia nel cielo notturno sopra la Florida mentre decolla per la missione Starlink 6-58 il 12 maggio 2024. Foto: Adam Bernstein/Spaceflight Now

SpaceX ha lanciato una costellazione di 23 satelliti Starlink sul suo razzo Falcon 9 dalla stazione spaziale di Cape Canaveral. Ciò porta il numero totale di satelliti Starlink a 5.999 satelliti in orbita. Secondo Secondo i numeri pubblicati domenica dall'esperto di tracciamento orbitale e astronomo Jonathan McDowell. Ha notato che uno dei satelliti, designato come S-2601, è rientrato nell'atmosfera stamattina presto.

La missione Starlink 6-58 è stata lanciata dallo Space Launch Complex 40 alle 20:53 EDT (0053 UTC). Questo è stato il 34esimo lancio Starlink di SpaceX previsto per il 2024.

Il booster del primo stadio Falcon 9 a supporto di questa missione, il B1073 della flotta SpaceX, ha effettuato il suo quindicesimo volo. Tra le sue missioni precedenti, B1073 ha lanciato il lander lunare HAKUTO-R di ispace, la missione Commercial Resupply Services 27 (CRS-27) di SpaceX e il volo in condivisione Bandwagon-1.

Poco più di otto minuti dopo il decollo, il B1073 è atterrato sul drone SpaceX, soprannominato “A Shortfall of Gravitas”. Questo è stato il 69esimo atterraggio di booster per ASOG e il 307esimo atterraggio di booster per SpaceX fino ad oggi.

SpaceX lancia il suo razzo Falcon 9 sulla missione Starlink 6-58 il 12 maggio 2024. Immagine: Michael Cain/Spaceflight Now

La missione è avvenuta nel corso di un fine settimana di storica attività solare che ha portato l’aurora fino al sud della Florida. Almeno cinque espulsioni di massa coronale sono state osservate dalla NOAA, ha detto venerdì la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Centro di previsione meteorologica spaziale A quel punto.

A partire da domenica mattina, l'SWPC ha affermato che un “G4 o major watch” rimane in vigore fino al 12 maggio, citando la possibilità che “una tempesta geomagnetica da grave a grave si ripeta più tardi oggi”.

READ  Viene commissionato il telescopio spaziale James Webb

Elon Musk ha dichiarato, in un post sul sito di social networking X (precedentemente noto come Twitter), che SpaceX sta monitorando da vicino l'impatto delle tempeste solari sulla costellazione Starlink.

Il quarto volo della navicella spaziale

L'attività di lancio in Florida arriva anche mentre SpaceX si avvicina al quarto test di volo integrato del suo razzo Starship nel sud del Texas. Il Super Heavy Booster (Booster 11) si trova attualmente sulla piattaforma di lancio orbitale (OLM) e il 29° stadio superiore della nave è stato preparato per l'accatastamento domenica pomeriggio.

Musk ha detto in un post separato che si aspetta che IFT-4 sia “molto probabilmente a tre o cinque settimane di distanza”, il che collocherebbe la missione nella prima metà di giugno.

Mentre la società attende l'approvazione della FAA per il suo prossimo lancio di veicoli spaziali, la FAA ha anche rilasciato informazioni che indicano che condurrà un'analisi ambientale relativa ai lanci di veicoli spaziali presso il Launch Complex 39A (LC-39A) presso il Kennedy Space Center della NASA.

Sono previsti due incontri di persona il 12 e il 13 giugno rispettivamente a Cape Canaveral e Merritt Island per consentire al pubblico di commentare la proposta. Il 17 giugno è previsto un incontro virtuale.

Sebbene la valutazione ambientale finale della Starship sia stata completata nel settembre 2019, la FAA ha dichiarato che “SpaceX non ha presentato una domanda di licenza di operatore di veicoli per i lanci di Starship-Super Heavy in LC-39A dopo aver completato l'EA del 2019; pertanto, la FAA non aveva Azione per l'adozione della NASA EA/FONSI (rilevazione di nessun impatto significativo).”

READ  "Non dovremmo preoccuparci troppo di questo": l'asteroide Bennu (probabilmente) non colpirà la Terra nel prossimo secolo

L'agenzia ha detto che SpaceX ora Suggerire La nuova infrastruttura di lancio non faceva parte del lancio di EA nel 2019 e mira a lanciare fino a 44 lanci all'anno. SpaceX effettuerà anche atterraggi di navi super pesanti e stellari sull'LC-39A, su un drone per missioni riutilizzabili o smaltiti nell'oceano per missioni sacrificabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *