Impianti di risalita più lenti, meno neve artificiale: le stazioni francesi affrontano la crisi energetica | Francia

I gestori delle stazioni sciistiche nelle Alpi francesi si stanno affrettando a trovare modi per risparmiare energia nell’ambito di uno sforzo nazionale per ridurre i consumi, con circa la metà delle località che si preparano anche a bollette energetiche da tre a sei volte superiori rispetto agli anni precedenti.

A Chamonix, vicino alla Svizzera, se non c’è folla, l’ascensore sarà più lento del 10%. E se il resort riceve un avviso che l’alimentazione elettrica non è in grado di soddisfare la domanda, Chamonix rallenterà gli ascensori del 30%.

Un certo numero di stazioni sciistiche, tra cui Chamonix e Val Thorens, si sono anche impegnate a ridurre la produzione di neve artificiale e ridurre il riscaldamento interno, hanno detto i funzionari.

A Val Thorens, il personale addetto alla manutenzione e al ristorante avrà un tempo di consegna di circa 10 minuti, invece di un’ora, per essere portato al posto di lavoro prima dell’apertura delle piste.

Queste misure “saranno invisibili e indolori per i nostri clienti. L’obiettivo è garantire che i nostri clienti non avvertano l’impatto dell’interruzione di corrente”, ha affermato Benjamin Blanc, manager di Les 3 Vallees, che comprende Val Thorens.

La metà delle stazioni sciistiche francesi ha dovuto rinegoziare i contratti elettrici a lungo termine quest’anno a causa di un’inflazione record, ha dichiarato Alexandre Moulin, che dirige la Federazione delle stazioni sciistiche in Francia, e si aspettava una bolletta annuale che potrebbe aumentare da tre a sei volte nel 2023. .

Ad esempio, la bolletta energetica per le stazioni sciistiche gestite da Maulin nell’area di Sybelles, in Savoia, dovrebbe raggiungere 1,6 milioni di euro l’anno prossimo, rispetto ai 400.000 euro del 2020.

Ha aggiunto che i prezzi dei biglietti più alti aumenteranno di circa il 5% ma non copriranno tutti i maggiori costi operativi.

Val Thorens è riuscita a ottenere un contratto con l’utility EDF prima della crisi energetica per la maggior parte del 2023. Ma ora deve trovare una soluzione per la prossima stagione sciistica.

“Siamo gente di montagna”, ha detto Jérôme Grillet, presidente di Cetam, l’operatore di impianti di risalita di Val Thorens. “Il nostro motto è che usciamo sempre dalle situazioni difficili, e anche questa volta sarà così, perché ci adatteremo”.

READ  Cuba: un fulmine colpisce un impianto petrolifero - 17 dispersi, 77 feriti, fuoco che brucia fuori controllo | notizie dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.