Il nigeriano picchia a morte un cinese in Italia

Robert Omo, nigeriano residente ad Avellino, nel sud Italia, è stato arrestato in relazione all’omicidio di un cittadino cinese.

Come ivi indicato Tempi di Malta, Omo, 24 anni, avrebbe picchiato a morte il cinese con un martello. Durante l’attacco avrebbe anche ferito un bulgaro.

Leggi anche: Il nigeriano ha assegnato N1,5 milioni in India dopo 22 mesi di reclusione illecita

Il nigeriano avrebbe aggredito i due senza essere stato provocato il 30 luglio, prima un bulgaro di 49 anni da dietro e poi un cinese di 59 anni. .

Il bulgaro, gravemente ferito nell’attacco, è ricoverato in ospedale, mentre il cinese è morto sul colpo.

È stato anche riferito che Omo una volta aveva scontato una pena detentiva di 12 mesi a Malta per un crimine brutale.

Ulteriori informazioni: il cliente non è in grado di spiegare come N60.000 ha lasciato il suo account Wallets Africa

Dopo la sua pena detentiva, è stato espulso da Malta, ma il nigeriano è andato in Italia.

I rapporti hanno rivelato che una volta Omo è stato espulso da una casa di cura ad Avelino dopo aver aggredito uno dei suoi membri del personale.

Dopo essere stato accusato in relazione all’ultimo attacco, si è dichiarato non colpevole, dicendo che non riusciva a ricordare cosa fosse successo durante l’incidente.

READ  Le preoccupazioni di Doc sulla performance degli All Blacks in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.