Il dirigente della RAI parla più di serie europee e di successi americani

Il dirigente veterano della RAI Adriano Di Maio ha cercato di scuotere gli animi presso l’emittente statale italiana dallo scorso maggio, quando è stato nominato capo del dipartimento cinema e fiction.

Per far fronte all’inarrestabile sconvolgimento causato dal digitale e dallo streaming nel panorama televisivo italiano, De Maio sta cercando di indirizzare la RAI verso una programmazione che offra un maggiore arricchimento culturale, rivolgendosi al contempo al segmento demografico più giovane che indirizza il traffico sulla propria piattaforma di live streaming RAI Play With the editore – che conta più di 23 milioni di abbonati, cifra che supera di gran lunga la base clienti italiana di Netflix.

La RAI si trova ad affrontare potenziali tagli di bilancio a causa della decisione del governo di ridurre i canoni [RAI’s current allocation for film and TV series was not immediately available]Di Maio si è seduto con lui diversificato A Roma per discutere della sua visione dei contenuti sceneggiati che vorrebbe che la RAI avesse per i suoi telespettatori. Se ci riuscirà, probabilmente riceveranno meno offerte da Hollywood e più film, alcuni di registi americani.

Secondo la stampa italiana la vostra dottrina è: meno programmi tv hollywoodiani, più spazio ai contenuti europei e più sostegno al cinema italiano. Questo riassume tutto?

SÌ. Ma questo non vuol dire che io abbia qualcosa contro il prodotto americano. Ciò a cui sono contrario è un tipo di intrattenimento che attira il pubblico ma non ha sostanza. Sono cresciuto con serie americane come “Star Trek” in cui hai un capitano [Captain Kirk] Chi ha valori. Gli scioperi americani adesso stanno creando un varco e io voglio lasciare il segno. Volevo provare qualcosa di nuovo. Ciò significa serie europee, ma anche programmi americani di generi diversi rispetto a quelli che abbiamo avuto in passato. Dobbiamo soddisfare ciò che piace al pubblico, ma dobbiamo anche trovare il giusto equilibrio tra il prodotto americano e quello europeo.

READ  Jeremiah determinato a fare la storia al Giro d'Italia

Quale serie americana ti piace?

Speriamo che The Good Doctor, che ha fatto bene in entrambi, venga rinnovato [flagship station] RAI 1 e RAI 2 e di acquistare la sub-offerta [“The Good Lawyer”] – ma a causa dello sciopero non sono sicuro che ciò accadrà.

Quanto sono importanti per la Rai i film americani?

Sono ancora essenziali. La performance di “Bohemian Rhapsody” è stata davvero fantastica [ratings] per noi. Mi piacerebbe più film di Hollywood sulla storia della cultura pop come questo. Tuttavia, anche il piccolo film olandese “The Conductor”, sul primo direttore donna di una grande orchestra sinfonica, ha avuto buoni risultati. Molte donne sono state identificate con la protagonista. Avremo sempre voglia di film d’azione hollywoodiani e di qualche blockbuster in Rai, ma dovremmo dare più spazio alle serie europee. Sono davvero potenti e voglio spingere per averne di più.

Quali spettacoli europei hanno avuto successo?

La serie francese “Haut Potentiel Intellectuel” va in onda da tre stagioni su RAI-1 e sta andando bene, così come le miniserie franco-belghe “Jugée copable” e “Enquête à cœur ouvert”.

Che tipo di prodotto cerca la RAI al Mipcom?

La nostra priorità è trovare nuove serie e prodotti giovanili. Dobbiamo riportare la fascia demografica giovanile nell’ovile della TV lineare RAI. Cerchiamo spettacoli che abbiano come protagonisti i giovani e con storie costruttive. Ma anche pezzi biografici, melodrammi distorti per un pubblico femminile e film d’azione americani per Rai 2. Abbiamo tante aperture e abbiamo bisogno di tanti prodotti.

In poche parole: come sta cambiando la programmazione RAI e come incidono questi cambiamenti sugli ascolti?

Il mio approccio come responsabile del settore cinema e fiction è cercare di sostituire gli spettacoli i cui diritti stanno per scadere con altri tipi di produzioni che abbiano più contenuti e maggiore appeal. Per quanto riguarda le valutazioni, è in corso un processo di rieducazione. Le serie tv americane funzionano perché hanno orari regolari e la gente ci è abituata, come nel nostro “Montalbano”. [the Italian show that is a regular ratings winner]. Ma adesso cominciamo a programmare anche tante prime visioni. Stiamo conquistando nuove aperture per i contenuti scritti. I film devono ancora avere uno spazio regolare, ma abbiamo il mercoledì quasi come uno spazio fisso per i film su RAI 1 e il martedì ora abbiamo uno spazio fisso su RAI 1 per le serie TV. E avremo uno spazio per le prime rubriche su RAI 1 dopo “Ballando con le stelle”. La RAI dispone di una vasta libreria di contenuti di punta, ma a causa della corsa agli ascolti siamo sempre stati costretti a scegliere un prodotto più competitivo. Ma in quello slot possono funzionare. È un’opportunità. Avremo uno spazio anche per i cortometraggi. Voglio programmare film in bianco e nero per ricordare al pubblico le radici del cinema, anche se è difficile perché il pubblico non è abituato. Per Natale mi piacerebbe trasmettere su RAI 3 La vita è meravigliosa di Frank Capra.

READ  Gina Carano addresses the "Mandalorians" reaction

In termini di ascolti, la mia impressione è che ci sia meno pressione sulla RAI per fornire lo stesso tipo di ascolti rispetto al passato, quando c’era una forte concorrenza con Mediaset in un panorama televisivo diverso.

Durante il duopolio RAI/Mediaset della fine degli anni ’80 e ’90, ci fu una massiccia corsa agli ascolti che coinvolse anche il bracconaggio di grandi star. Questa è una cosa del passato. Una delle cose principali che sono cambiate oggi è che RAI e Mediaset a quel tempo avevano solo sei canali [three each]. Ma oggi abbiamo tutti più sbocchi. Il pubblico sta diventando sempre più diviso e non è sempre possibile ottenere ascolti enormi. In questo scenario quello che dobbiamo fare è ritornare alla qualità [content]. La qualità è prima di tutto. Il risultato dovrebbero essere le valutazioni. È il pubblico che deve salire, non noi che dobbiamo scendere e abbassare il nostro livello [quality] livello per attirare gli occhi. La RAI è il luogo a cui il pubblico dovrebbe rivolgersi per un arricchimento culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *