Il conflitto israelo-palestinese: i combattimenti continuano mentre il cessate il fuoco si blocca | Notizie di Gaza

Israele ha continuato i suoi attacchi a Gaza, uccidendo 21 persone, in risposta a quelli che dice essere razzi lanciati da gruppi palestinesi.

Il ministero della salute a Gaza ha detto che sette sono stati uccisi mercoledì, un giorno dopo che gli attacchi israeliani sui territori palestinesi hanno provocato 15 morti.

Il gruppo ha affermato che quattro delle persone uccise mercoledì erano combattenti del Fronte popolare per la liberazione della Palestina.

Una bambina palestinese di 10 anni di nome Layan Madoukh è stata uccisa in un’esplosione nella sua casa a Gaza City in circostanze misteriose.

“C’è un grande senso di ansia”, ha detto Yomna El-Sayed, corrispondente di Al Jazeera da Gaza City.

“Tutto è chiuso; le scuole, le strutture private e pubbliche sono chiuse e le persone non possono uscire di casa”.

Rana Shbeir, una scrittrice di Gaza, ha detto che gli attacchi israeliani li hanno “completamente” sorpresi. “Tutti dormivano. All’improvviso stiamo lavorando a enormi esplosioni”, ha detto ad Al Jazeera.

Al-Sayed ha aggiunto che “i razzi vengono lanciati dalla Striscia di Gaza verso le città del sud di Israele”. “Abbiamo anche visto Iron Dome tentare di intercettare questi missili”.

Le ostilità ammontarono ai combattimenti più feroci tra le due parti da mesi.

Funzionari israeliani hanno affermato che mercoledì sera sono stati lanciati più di 400 razzi. Hanno detto che la maggior parte di loro è stata intercettata o è atterrata in aree aperte, ma il ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto che un quarto di loro è mancato ed è atterrato all’interno di Gaza.

Il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq ha dichiarato mercoledì che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha condannato l’uccisione di civili a Gaza come “inaccettabile” e ha chiesto loro di “fermarsi immediatamente” e che tutte le parti esercitino la massima moderazione.

READ  Putin si vanta del "coraggio" della Russia mentre le sue truppe raggiungono gli ucraini per la notte di Capodanno

Haq ha affermato: “Israele deve rispettare i suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale, compreso l’uso proporzionato della forza e prendere tutte le precauzioni possibili per risparmiare civili e oggetti civili durante lo svolgimento di operazioni militari”.


Si rinnovano le ostilità

I primi attacchi aerei israeliani di martedì hanno ucciso tre alti combattenti della Jihad islamica palestinese e almeno 10 civili, per lo più donne e bambini.

Israele è stato oggetto di critiche internazionali per l’elevato numero di vittime civili a seguito di quegli attacchi aerei, tra cui le mogli di due leader militanti e alcuni dei loro figli, e un dentista che viveva in uno degli edifici presi di mira con sua moglie e suo figlio .

L’IDF ha affermato che i suoi attacchi si sono concentrati sulle infrastrutture della Jihad islamica nella fascia costiera.

Un canale televisivo di stato egiziano ha annunciato che l’Egitto, che è stato un frequente mediatore tra le due parti, ha mediato il cessate il fuoco mercoledì. I funzionari israeliani hanno confermato che l’Egitto stava cercando di facilitare un cessate il fuoco.

Ma gli sforzi di tregua sembravano vacillare mentre i combattimenti si intensificavano verso la fine della giornata e nessuna delle due parti mostrava alcun segno di arretramento.


In un discorso televisivo in prima serata, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele aveva inferto un duro colpo ai militanti.

“Questo tour non è finito”, ha detto. Lo diciamo ai terroristi ea chi li manda. Ci vediamo ovunque. Non puoi nasconderti, scegliamo noi il luogo e il momento in cui colpirti.”

Il movimento palestinese della Jihad islamica ha dichiarato che continuerà a lanciare razzi. Il punto critico nei colloqui, ha affermato Mohammed al-Hindi, funzionario del gruppo, è che i palestinesi vogliono un impegno israeliano per fermare le uccisioni mirate, come quella che ha ucciso tre alti leader della Jihad islamica martedì scorso.

READ  La tragica morte di una madre dopo essere rimasta intrappolata in un fondo di beneficenza mentre cercava vestiti - notizie dal mondo

In una dichiarazione, un’organizzazione ombrello di fazioni palestinesi a Gaza, tra cui Hamas, ha affermato che la campagna contro Israele – che ha soprannominato “Ritorsione libera” – includeva il lancio di centinaia di razzi come rappresaglia per l’uccisione da parte di Israele dei tre leader della Jihad islamica e di diversi civili.

“La resistenza è pronta per tutte le opzioni”, hanno detto le fazioni. “Se [Israel] Nella sua aggressività e arroganza, l’aspettano giorni bui.

Partecipazione di Hamas

Non è ancora chiaro se Hamas si sia unito alla mischia.

Mushir al-Masri, un alto leader di Hamas, ha detto ad Al Jazeera che la risposta palestinese agli attacchi aerei israeliani su Gaza è stata “un riflesso dell’era della resistenza con il suo popolo e i suoi martiri”.

“La sua mano [the resistance’s] Muwahed, sottolineando che “la porta sul conto dell’occupazione israeliana è ancora spalancata”.

Hamas è tra le fazioni della Joint Room, ma non ha annunciato la sua partecipazione individuale al lancio di razzi.

E mentre i missili volavano nel cielo, le stazioni televisive israeliane mostravano sistemi di difesa aerea che intercettavano missili sopra i cieli di Tel Aviv. E nel vicino sobborgo di Ramat Gan, le persone giacevano a faccia in giù mentre si nascondevano.

L’esercito israeliano ha affermato che un sistema di difesa aerea noto come David’s Sling ha intercettato per la prima volta un missile.

Il sistema, sviluppato con gli Stati Uniti, ha lo scopo di intercettare minacce a medio raggio e fa parte di una difesa aerea a più livelli che include anche il noto sistema antimissile Iron Dome. I media israeliani hanno affermato che un precedente tentativo di utilizzare il sistema diversi anni fa era fallito.

READ  Punteggio partita Everton Man City: punteggio FA Cup, goal e report

Israele e Hamas hanno combattuto quattro guerre da quando il gruppo ha preso il controllo di Gaza nel 2007.

Nei conflitti precedenti, i gruppi per i diritti hanno accusato Israele di aver commesso crimini di guerra a causa dell’elevato numero di morti civili. Israele ha affermato che sta facendo tutto il possibile per evitare vittime civili e per ritenere responsabili i gruppi militanti perché operano in aree residenziali densamente popolate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.