‘Difenderò il paese’: mentre alcuni russi abbandonano la coscrizione, altri vanno in guerra | Russia

wQuando Elia è tornato dal lavoro mercoledì, sua moglie lo stava aspettando con i documenti per l’arruolamento militare. Ilya ha detto di aver fatto rapidamente le valigie e di essere partito la mattina successiva per il centro di reclutamento locale di Irkutsk, una città sul lago Baikal in Siberia.

“Quando arriva la madrepatria, devi rispondere”, ha detto l’autista di autobus di 27 anni in una breve intervista telefonica da un campo di addestramento vicino alla città meridionale di Rostov. “Ho deciso che non avrei evitato la coscrizione e avrei difeso il Paese”.

L’ordine di mobilitazione di Vladimir Putin ha sollevato a Corri al confine da decine di migliaia di uomini in età da combattimento che non desideravano prendere parte all’invasione russa non provocata dell’Ucraina.

Ma in netto contrasto con le code lunghe un miglio per uscire ci sono i video di uomini in tutto il paese, che applaudono le loro mogli e madri, che salgono su autobus che li porteranno ai centri di addestramento, in quello che probabilmente sarà un viaggio di sola andata per molti .

Gli uomini dimostrano un certo sostegno popolare per la guerra Ucraina Denis Volkov del Levada Center, un’agenzia elettorale indipendente, ha detto della crescente polarizzazione del Paese.

“La nazione è divisa e la mobilitazione ha esacerbato le divisioni esistenti”, ha detto Volkov. La parte urbana più moderna, orientata all’occidente, vuole andarsene e si oppone alla coscrizione militare. Ma c’è ancora un folto gruppo di uomini che non eviterà la coscrizione. Sono spesso meno istruiti, più poveri e più dipendenti dallo Stato”.

Il Cremlino, apparentemente consapevole di queste divisioni, ha voluto sfruttare più aree rurali per la sua campagna di mobilitazione, con le autorità che avrebbero cercato di mantenere il reclutamento “al minimo” nei capoluoghi regionali.

Un sondaggio pubblicato giovedì dal Centro Levada di Volkov ho trovato La percentuale di russi che “pienamente” o “in qualche modo” sostiene quella che il Cremlino chiama la sua “operazione militare speciale” è diminuita da quando Putin ha ordinato la mobilitazione, ma rimane al 72%. “La società ha tenuto insieme quando è iniziata la guerra, e questo non cambierà dall’oggi al domani”, ha detto Volkov.

Mentre alcuni osservatori hanno messo in dubbio la logica dei sondaggi dell’opinione pubblica in un paese in cui le informazioni sulla guerra sono accuratamente coordinate dalla televisione di stato e punisce il dissenso con la reclusione, Volkov ha affermato di ritenere i risultati affidabili.

Una delle principali fonti di sostegno per l’esercito russo, ha detto, è l’idea – trasmessa quotidianamente in casa dalla televisione di Stato e accolta da molti nel Paese – che Russia Impegnato in una guerra più ampia con la NATO e gli Stati Uniti.

Interviste e sondaggi mostrano che alcuni russi hanno anche accettato l’affermazione infondata del Cremlino secondo cui la Russia è assediata dall’Occidente e non ha altra scelta che invadere l’Ucraina.

“Mio marito non sta combattendo solo contro l’Ucraina, ma anche contro la NATO. Non abbiamo molti alleati”, ha detto Lyudmila, il cui marito Sergei è stato mobilitato questa settimana.

Dall’inizio della mobilitazione, sono apparsi gruppi di Telegram in cui le donne condividono suggerimenti su come rimanere in contatto con i loro partner o figli. Lyudmila, che dirige uno dei gruppi, ha dichiarato: “Sono orgoglioso di mio marito. La Russia è circondata da un muro e dobbiamo rispondere”.

Per alcuni uomini, l’impossibilità di eludere la leva – reato punibile fino a 10 anni di reclusione – ha portato alla riluttanza a presentarsi ai centri per l’impiego. “Non voglio combattere, ma non posso nascondermi per sempre, è meglio solo affrontare quello che sta arrivando”, ha detto Igor, da San Pietroburgo, che ha ricevuto la sua bozza di carte mercoledì.

Ma nonostante il continuo sostegno di molti russi all’invasione di Putin, il sondaggio Levada ha rilevato che il 70% degli intervistati ha risposto con “paura”, “terrore” e “shock” agli ordini di mobilitazione. Ha anche scoperto che l’indice di approvazione di Putin è diminuito di sei punti, il calo più grande dall’inizio della guerra, poiché solo un quarto degli uomini di età inferiore ai 24 anni ha sostenuto di continuare a combattere in Ucraina.

Secondo Andrei Kolesnikov, del Carnegie Endowment for International Peace, un think tank statunitense, gli ultimi dati di Levada indicano una rabbia crescente per la guerra tra molti in Russia. “È solo l’inizio”, ha detto, “il malcontento sta lentamente ribollendo”.

È probabile che la preoccupazione dell’opinione pubblica sulla mobilitazione cresca dopo che i primi video dai centri di formazione sono emersi questa settimana che mostrano dozzine di uomini in cattive condizioni in attesa di essere inviati in Ucraina.

In uno dei video, si vede un gruppo di uomini che dorme per terra nelle baracche sovraffollate dell’esercito. In altre riprese, l’unità si è recentemente mobilitata Sembra Da lasciare in un campo appartato senza riparo né razioni di cibo. “Non c’è niente di assurdo qui. Come un gregge di pecore, dobbiamo radunarci”, borbottò uno degli uomini.

Ci sono anche rapporti crescenti secondo cui gli uomini appena mobilitati hanno l’obbligo di acquistare la propria attrezzatura, che vanno dai giubbotti antiproiettile ai materassini e alla biancheria intima termica.

Abbiamo speso più di 30.000 rubli [£460]”Il mio stipendio mensile, per prepararlo all’esercito”, ha detto Tatiana, un’insegnante della città di Chelyabinsk negli Urali, il cui marito è stato mobilitato.

Ha detto che la mancanza di rifornimenti di base nell’esercito l’ha scioccata, influenzando alcune delle sue precedenti convinzioni sullo stato delle forze armate nel paese e sulla guerra. “Come possono chiedergli di combattere lì quando è tutto in un tale pasticcio?” Lei disse. “La guerra deve finire”.

READ  Governor-General of Canada to step down after employees accused her of creating a "toxic" workplace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.