Il capo dell’Eni afferma che l’Italia avrà idealmente bisogno di 4 nuovi terminali GNL

MILANO (Reuters) – L’amministratore delegato di Eni ha affermato che l’Italia deve aumentare significativamente la propria capacità di importazione di gas naturale liquefatto.(ENI.MI) lunedì, aggiungendo che il Paese avrebbe idealmente bisogno di quattro nuovi terminali GNL.

Il Paese dispone attualmente di tre impianti, che hanno una capacità di circa 17 miliardi di metri cubi di gas, e sono attualmente vicini alla saturazione.

Il governo ha pianificato due unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione del gas (FSRU) per aumentare la capacità a 27 miliardi di metri cubi, ma è necessario uno sforzo maggiore per aiutare Roma a sostituire le forniture russe con gas proveniente da una serie di fornitori africani via nave.

“Siamo passati dal gas russo proveniente dai gasdotti al gas che arriva sulle navi. Al momento non abbiamo abbastanza terminali GNL… Ce ne serviranno altri quattro”, ha detto l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, intervenendo a un evento fieristico a Milano . . .

Le difficoltà di aumentare la capacità sono dimostrate dalla città italiana di Piombino, che ha avviato una causa legale contro un progetto sostenuto dal governo per un nuovo terminale di GNL lì.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia ha rafforzato i suoi legami di lunga data con l’Africa per sostituire il gas di Mosca con carburante proveniente dall’Algeria, dall’Egitto, dal Medio Oriente e da altri fornitori.

I flussi di gas da Mosca sono scesi da circa il 38% dei consumi totali dell’Italia a circa il 10% negli ultimi mesi.

“L’anno prossimo, mi aspetto che il gas russo sia intorno al 6-7%… se c’è”, ha detto Descalzi.

Ha affermato che il cambiamento dell’origine del gas costringe l’Italia a rafforzare la propria infrastruttura energetica nel Mezzogiorno, eliminare le strozzature nella rete del gas e ampliare il proprio sistema di stoccaggio.

READ  US stock futures rose slightly after Monday's record jump

L’operatore italiano di rete del gas Hump (SRG.MI) Recentemente ha annunciato l’intenzione di investire oltre 3 miliardi di euro per potenziare la rete del gas e aggiungere nuovi siti di stoccaggio.

(Copertina) Di Francesca Landini e Giancarlo Navash; Montaggio di Keith Weir

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.