Il capo della F1 difende i cambiamenti di calendario: non sto vendendo lo spirito dello sport

Stefano Domenicali, amministratore delegato di F1, ha difeso le modifiche apportate al calendario sportivo.

Il programma ha continuato ad evolversi negli ultimi anni, con l’aggiunta di nuove tracce – come il prossimo circuito di Las Vegas 2023 – mentre alcune sedi più vecchie si trovano a rischio di perdere il loro posto.

Tra i luoghi incerti sul proprio futuro ci sono il circuito Paul Ricard in Francia, così come la storica Spa-Francorchamps in Belgio.

Lo sport è stato anche esaminato per i paesi in visita in cui i diritti umani sono stati messi in discussione, con Lewis Hamilton che in precedenza aveva parlato delle sue preoccupazioni.

Domenicali nega di ‘vendere l’anima’ della F1

In risposta a qualsiasi critica sui cambi di calendario, Domenicali ha smentito che gli sviluppi fossero dannosi per lo sport.

“Non sto vendendo lo spirito della Formula 1”, ha detto Domenicali al quotidiano tedesco. Costruire.

“Questo è il cambiamento naturale. Ci stiamo aprendo al mondo intero”.

Il capo della Formula 1 ha riconosciuto che il denaro è un aspetto importante delle decisioni prese, ma sottolinea che questo non è l’unico fattore che viene preso in considerazione.

“Il denaro è importante ovunque. Anche per noi”, ha aggiunto.

“Ma non ci limitiamo a guardarlo, l’intero pacchetto deve essere giusto. Se guardiamo solo al conto in banca, il calendario delle gare sarebbe sicuramente diverso”.

La Germania tornerà in calendario?

La F1 ha recentemente aggiunto nuove località, come l’apertura del Gran Premio di Miami all’inizio della stagione 2022.

Un Paese assente dal calendario dal 2020 è la Germania, e Domenicali ha notato che le prospettive di un ritorno nel 2023 non sono promettenti.

READ  La notizia del Leeds United dove ha collegato Andrea Radrizani, successore di Marcelo Bielsa, nei media italiani

“Se non effettuo una chiamata, vedo e sento un po’ [about it],” Egli ha detto.

Tuttavia, l’italiano non ha escluso il ritorno di Hockenheim o del Nürburgring in futuro.

“Vorrei tornare indietro”, ha concluso Domenicali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.