I ribelli Houthi sfidano l’avvertimento americano di una nuova esplosione nel Mar Rosso

Apri Editor's Digest gratuitamente

Giovedì i militanti Houthi hanno fatto saltare in aria una nave di superficie senza equipaggio nel Mar Rosso, segnando un’escalation provocatoria da parte del gruppo ribelle sostenuto dall’Iran, un giorno dopo che gli Stati Uniti avevano minacciato una risposta militare a tali attacchi.

Il bombardamento – il primo utilizzo da parte degli Houthi di una nave militare statunitense nella loro recente campagna nel Mar Rosso – non ha danneggiato alcuna nave, ma è avvenuto nonostante gli Stati Uniti e 11 dei suoi alleati ribelli mercoledì avessero avvertito di un’azione militare a meno che non fermassero gli attacchi. sulle navi nella cruciale regione globale. . Linea marina.

“L’introduzione di un attacco unidirezionale contro le portaerei statunitensi è preoccupante”, ha affermato il vice ammiraglio Brad Cooper, comandante supremo delle forze navali statunitensi in Medio Oriente.

L’attacco arriva nel contesto dei crescenti timori che la guerra israeliana con Hamas possa espandersi fino a includere altri paesi, e arriva dopo gli attacchi a Beirut e Baghdad che hanno preso di mira militanti e leader di alto livello, e dopo un attacco terroristico in Iran che ha ucciso più di 100 persone.

Cooper ha affermato che dal 18 novembre ci sono stati 25 attacchi contro navi commerciali che attraversavano il Mar Rosso e il Golfo di Aden. Lo scorso dicembre, gli Stati Uniti hanno annunciato l’operazione “Prosperity Sentinel” per potenziare i pattugliamenti nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden per proteggere il traffico commerciale.

Più di 20 paesi stanno contribuendo alla task force, tra cui cinque navi da guerra degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia che pattugliano il Mar Rosso, mentre gli Stati Uniti e altri paesi hanno anche fornito aerei da ricognizione con e senza pilota.

READ  Il balcone di un condominio londinese crolla in strada con un avvertimento urgente poiché più di 400 case a prezzi accessibili nell'edificio sono dichiarate "non sicure"

La portaerei statunitense USS Dwight D. Eisenhower si trova nella zona. Anche Grecia e Danimarca hanno detto che invieranno navi da guerra.

Gli attacchi nel Mar Rosso hanno già costretto alcune compagnie di navigazione e compagnie energetiche a evitare la regione dirottando le loro navi attorno al Capo di Buona Speranza invece di passare attraverso il Canale di Suez, aggiungendo settimane ai viaggi.

Giovedì, Cooper ha ripetuto appelli globali agli Houthi con sede nello Yemen affinché fermino gli attacchi alle navi commerciali. Gli Houthi, che controllano lo Yemen settentrionale e la capitale Sanaa dallo scoppio della guerra civile nel 2014, hanno affermato che non fermeranno la loro campagna finché Israele continuerà il suo attacco a Gaza.

“Questi attacchi Houthi sono certamente destabilizzanti e contrari al diritto internazionale, ed è chiaro, come molti hanno chiarito, che devono cessare immediatamente”, ha affermato Cooper.

L’amministrazione Biden ha accusato l’Iran di aver consentito agli Houthi di lanciare attacchi nel Mar Rosso, sebbene il presidente Joe Biden e altri alti funzionari dell’amministrazione abbiano affermato che non stanno cercando di espandere la guerra tra Israele e Hamas. Tuttavia, i funzionari statunitensi hanno intensificato gli avvertimenti sul fatto che prenderanno di mira direttamente gli Houthi se gli attacchi navali dovessero continuare.

Gli analisti temono ancora che la guerra tra Israele e Hamas si trasformi in un conflitto regionale. Si ritiene che Israele abbia ucciso un importante leader di Hamas a Beirut all'inizio di questa settimana, minacciando un conflitto più ampio tra Israele e Hezbollah con sede in Libano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *