I padroni di casa vincono “come gli All Blacks”, ma c'è altro in arrivo

Le statistiche sono state letture brutali: 61% di territorio, 63% di possesso palla, 35 difensori colpiti, 12 break netti, 100% di rimesse laterali e mischie. È stata l'Irlanda, come ha detto Farrell, in una giornata discontinua mentre l'inglese ha apportato sei modifiche alla sua formazione titolare dopo la scioccante vittoria della giornata di apertura contro la Francia a Marsiglia.

Farrell potrebbe ancora accogliere operatori del calibro di Tadhg Furlong, Tadhg Beirne, Bundee Aki, Garry Ringrose e Peter O'Mahony. Ci vorrà qualcosa di straordinario per negare loro nuovamente il Grande Slam.

L'Inghilterra sembra essere la prova più dura a Twickenham il 9 marzo, con Galles e Scozia che tornano a casa. La nuova difesa blitz di Felix Jones sta per subire un serio stress test. Alcuni degli affari dell'Irlanda qui sono sensazionali.

La partita è iniziata un po' fiacca. Nonostante il grido irlandese pre-partita di Stevie Mulroney, otto anni, eseguito al Late Late Toy Show, il festival annuale per realizzare un desiderio, il pubblico di Aviva era mezzo addormentato. Ancora una volta il sensazionale Hugo Keenan li ha svegliati con un rapido tocco dopo cinque minuti. Quella pausa ha portato indirettamente alla prima meta della partita dell'Irlanda, e ha volato metà della prima meta senior di Jack Crowley, agganciandosi a un passaggio di Craig Casey.

Crowley non ha avuto una bella giornata libera. Il mezzo volo del Munster ha mancato tre dei suoi cinque tentativi di conversione. Ma alcuni dei suoi passaggi sono stati sublimi, e nel complesso la sua seconda audizione come sostituto di Johnny Sexton è stata un grande successo.

READ  L'Italia rivede l'offerta di Pignataro per la Prilios dopo la corsa agli acquisti della Ion

Anche Crowley ha mostrato la sua versatilità, lasciando il posto a Harry Byrne dopo che Keenan è andato over con una fragorosa ginocchiata. Pharrell era certamente pieno di elogi.

“È stato uno sforzo incredibile togliere la palla dal campo”, ha detto del punteggio di Crowley. “Una palla veloce di Craig, è stata una bella sensazione girare l'angolo e per Jack ricevere un tocco dopo aver ceduto la palla è stato uno sforzo speciale per lui.

“Pensavo che giocasse bene al numero 10. Quando ha giocato al numero 15, si è allargato un po' e si è insinuato qualche errore, ma lavoreremo su questo”.

Mischia a parte, dove l'Irlanda era completamente dominante, Andrew Porter ha trovato due teste strette e l'Italia non era del tutto in colpa. Ma l'Irlanda è morta quando ha sentito l'odore della linea di meta.

Il primo tentativo di Sheehan è stato caratterizzato da alcuni offload spettacolari, mentre il terzo dell'Irlanda è stato un buon vecchio martello rotante di Jack Conan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *