I gruppi di sinistra italiani chiedono il ritorno sicuro dell'attivista antifascista incarcerato in Ungheria: People's Dispatch

Ilara Salis (in catene) è comparsa in un tribunale ungherese. Foto: FGC

Gruppi di sinistra in Italia hanno chiesto al governo italiano di adottare misure concrete per garantire la sicurezza dell'attivista antifascista italiana Ilaria Salis, detenuta in Ungheria da quasi un anno. L'insegnante di scuola di 39 anni è stato arrestato l'11 febbraio 2023 e deve affrontare tre capi d'accusa di tentata aggressione ed è accusato di far parte di un'organizzazione di estrema sinistra. Nel 2023 è stato arrestato dopo una protesta antifascista durante una manifestazione neonazista a Budapest.

Challis è comparso ammanettato e ammanettato davanti a un tribunale di prima istanza in Ungheria il 29 gennaio, suscitando indignazione diffusa in Italia e in tutta Europa. Giorni dopo, il 31 gennaio, il quotidiano italiano Repubblica 2023 ha pubblicato una lettera scritta da Challis in ottobre, in cui denunciava il trattamento disumano e le condizioni spaventose da lui vissute in una prigione ungherese per quasi un anno.

Nella lettera, ha scritto che gli è stato negato il contatto con la sua famiglia per i primi sei mesi e che gli sono stati sistematicamente negati i servizi di traduzione e interpretazione da parte delle autorità per importanti aspetti del suo processo legale durante la sua prigionia. Le è stata negata l'ammissione alle lezioni di ungherese. Gli sono state negate anche le strutture mediche adeguate. Per quanto riguarda le sue condizioni fisiche, ha descritto alloggi sporchi e sovraffollati, brulicanti di ratti, scarafaggi e cimici dei letti, e le era consentita solo un'ora al giorno fuori dalla sua cella.

Gruppi come Unione Popolare (UP), Partito della Rifondazione Comunista (PRC). Potere al Popolo, il Fronte della Gioventù Comunista (FGC), il Partito Comunista Italiano (PCI) e altri hanno espresso solidarietà a Ilaria Salis e hanno condannato il suo trattamento da parte delle autorità ungheresi. Hanno anche denunciato la spietatezza del governo italiano guidato dall’estrema destra Giorgia Meloni, che non ha dato a Salis il sostegno di cui aveva bisogno. I gruppi hanno chiesto al governo italiano di adottare misure immediate per riportarlo in Italia.

READ  Meloni afferma che l'Italia si atterrà agli obiettivi climatici di Parigi

In risposta alle pressioni internazionali e nazionali, anche da parte dei partiti di opposizione non di sinistra Movimento Cinque StelleMelonia Chiamato il leader ungherese di estrema destra Il 30 gennaio, Viktor Orbán lo ha esortato a intervenire nel caso per difendere i diritti fondamentali del cittadino italiano, il giorno dopo che in tribunale erano circolate le foto di lui con indosso il calice. Nel frattempo, il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha respinto le pressioni sul governo e ha affermato che un caso legale non dovrebbe diventare uno spettacolo politico. Il vice primo ministro italiano Matteo Salvini critica Illaria Salis per aver preso parte a una manifestazione antifascista contro la “Giornata del rispetto” neonazista a Budapest l'11 febbraio 2023.

Il 9 febbraio un rappresentante Potere al Popolo disse Invio di persone“Ilaria Sális è detenuta in un carcere di massima sicurezza ungherese da quasi un anno, sottoposta a trattamenti inumani e degradanti e rischia una pena detentiva di 24 anni. I suoi diritti di sicurezza e il giusto processo sono stati gravemente compromessi, e le sue condizioni carcerarie non sono non soddisfare gli standard legali minimi.

E continuano: “Il governo italiano e le autorità diplomatiche sono intervenuti troppo tardi e non con sufficiente decisione. Chiediamo che Challis venga liberato o almeno posto agli arresti domiciliari in Italia, dichiarandosi innocente e in attesa di processo.

Potere al Popolo e il Fronte della Gioventù Comunista (FGC). Criticato L'ipocrisia di Antonio Tajani nel febbraio 2012 quando chiese una risoluzione giuridica del caso di Ilaria Salis mentre Tajani chiedeva all'Unione Europea di interrompere i rapporti commerciali con l'India in seguito all'incidente del febbraio 2012 in cui due marò italiani furono arrestati in India per aver sparato morti due pescatori indiani.

READ  30 migliori vacanze italiane

L’antifascismo non è un reato

L'arresto di Sallis è avvenuto nel febbraio 2023 nel corso di una commemorazione della “Giornata d'Onore” organizzata dai fascisti. Gruppi neonazisti provenienti dall'Ungheria e da altre parti d'Europa si riuniscono ogni anno a Budapest nella seconda settimana di febbraio per il “Giorno d'Onore”. Ucciso durante l'assedio di Budapest da parte dell'esercito sovietico nel 1945.

Oltre alla commemorazione neonazista, in città si sono riuniti anche gruppi antifascisti provenienti dall'Ungheria e dall'estero per tenere manifestazioni antifasciste e tentare di riscrivere la storia e celebrare i nazisti. I progressisti in Ungheria hanno accusato il governo di Viktor Orbán e i funzionari di polizia di sostenere tacitamente tali eventi neonazisti che glorificano i criminali di guerra nazisti e i loro collaboratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *