I canadesi ora possono lavorare in Italia per due anni con il new deal

Lavorare di giorno e trascorrere una serata a Roma, non è questo il sogno?

Un nuovo accordo tra Canada e Italia realizzerà quel sogno.

All’inizio di questa settimana, il governo canadese ha annunciato il lancio ufficiale di un nuovo accordo di mobilità giovanile Canada-Italia.

L’accordo fornisce essenzialmente ai giovani canadesi e italiani maggiori opportunità di lavoro globale e di esperienze di viaggio Esperienza internazionale Canada (IEC), un programma che aiuta le persone a ottenere permessi o visti per lavorare all’estero.

“Sono molto lieto di celebrare questo accordo con l’Italia, che offrirà ai giovani canadesi e italiani più opportunità che mai di vivere, viaggiare e lavorare all’estero”, ha dichiarato il ministro per l’Immigrazione, i Rifugiati e la Cittadinanza Sean Fraser. , un Rapporto.

Come funziona?

I giovani dai 18 ai 35 anni possono lavorare e viaggiare in Italia per un massimo di 12 mesi.

Se ti innamori del paese, puoi fare il programma due volte per un totale di due anni.

Ci sono tre modi per partecipare al programma:

Vacanza di lavoro

I partecipanti ricevono un permesso di lavoro aperto che consente loro di lavorare ovunque in Italia per sostenere i loro viaggi.

Borsa di studio internazionale (tirocinio)

I partecipanti ricevono un permesso di lavoro specifico del datore di lavoro, che consente agli studenti di acquisire esperienza lavorativa nel loro campo.

Giovane professionista

I partecipanti ricevono un permesso di lavoro specifico del datore di lavoro per acquisire esperienza lavorativa professionale nel loro campo.

READ  Italia: il viceministro di Meloni ha fortemente criticato una foto dell'uniforme nazista del 2005

Puoi richiedere questi schemi Qui.

Questo non è l’unico modo per vivere e lavorare all’estero.

Una tendenza recente sono i nuovi visti che consentono ai lavoratori remoti canadesi di vivere all’estero per anni, a volte esentasse.

Paesi come Indonesia, SpagnaE Portogallo Questi offrono “visti nomadi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.