Ha fatto atterrare con successo il primo cubo per volare e operare sulla luna

Ingrandire / Il carico utile CAPSTONE è visto qui, in cima a un razzo Electron in Nuova Zelanda.

Laboratorio missilistico

Dopo un viaggio di quasi cinque mesi che l’ha portata oltre la luna e ritorno, la piccola navicella spaziale CAPSTONE è entrata con successo nell’orbita lunare.

“Abbiamo ricevuto la conferma che CAPSTONE ha raggiunto un’orbita di alone quasi diritta, e questo è un enorme, enorme passo per l’agenzia”, ​​ha detto domenica sera Jim Frey, capo dello sviluppo dei sistemi di esplorazione della NASA. “Ha appena completato il suo primo incendio pochi minuti fa. Nei prossimi giorni continueranno a migliorare la sua orbita e saranno il primo cubo a volare e ad operare sulla Luna”.

Questa è un’orbita importante per la NASA, e speciale, perché è davvero stabile e richiede solo una piccola quantità di carburante per stabilizzarsi. Nel suo punto più vicino alla Luna, questa orbita di quasi una settimana passa a 3.000 km dalla superficie lunare, e in altri punti è a 70.000 km di distanza. La NASA ha in programma di costruire una piccola stazione spaziale, chiamata Moon Gateway, qui entro la fine di questo decennio.

Ma prima, l’agenzia ha iniziato in piccolo. CAPSTONE è una missione commerciale che è stata sostenuta finanziariamente, in parte, da una sovvenzione di 13,7 milioni di dollari della NASA. Il veicolo spaziale stesso è stato sviluppato da una società con sede in Colorado chiamata Advanced Space, con l’aiuto di Terran Orbital, ed è di dimensioni modeste, solo cubi 12U con una massa di circa 25 kg. Si adatta comodamente all’interno di un mini frigorifero.

READ  Più di 40 nuovi casi di vaiolo delle scimmie sono stati scoperti in Europa, secondo un rapporto dei funzionari sanitari

La sonda è stata lanciata alla fine di giugno su un razzo Electron dalla Nuova Zelanda. L’Electron è il razzo più piccolo per lanciare un carico utile sulla Luna, e il suo produttore, Rocket Lab, ha sottolineato al massimo le capacità del suo booster e dello stadio fotonico superiore per inviare CAPSTONE nel suo lungo viaggio verso la Luna. Questa è stata la prima missione di Rocket Lab nello spazio profondo.

Dopo essersi separato dal suo razzo, il veicolo spaziale ha trascorso quasi cinque mesi viaggiando verso la luna, seguendo quello che è noto come trasferimento balistico lunare che utilizza la gravità del sole per seguire una traiettoria estesa. Lungo la strada, i controllori di volo ci sono riusciti Risolvi il problema della rotazione che avrebbe potuto provocare la perdita del veicolo spaziale. Si trattava di una traiettoria circolare, che portava il veicolo spaziale a più di tre volte la distanza dalla Terra alla Luna prima di tornare indietro, ma richiedeva relativamente poca propulsione per raggiungere la sua destinazione.

Ad esempio, l’ustione che CAPSTONE ha eseguito domenica notte per passare a un’orbita di alone quasi rettilinea è stata molto piccola. Secondo Spazio Avanzatoil veicolo ha bruciato il suo propulsore per 16 minuti a circa 0,44 Newton, che equivale al peso di circa nove pezzi di carta per stampanti standard.

CAPSTONE non solo fungerà da attuatore su questa nuova orbita – verificando le proprietà teoriche progettate dagli ingegneri della NASA – ma dimostrerà anche un nuovo sistema per la navigazione autonoma intorno e vicino alla Luna. Questo sistema di posizionamento autonomo cislunare, o CAPS, è importante perché c’è una carenza di risorse di tracciamento stazionarie vicino alla Luna, soprattutto perché l’ambiente cislunare diventa più affollato nel prossimo decennio.

READ  Uno studio della Mayo Clinic rivela un trucco nutrizionale per aiutare a prevenire i calcoli renali

La missione dovrebbe operare per almeno sei mesi in questa orbita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.