Gli scienziati hanno scoperto una proteina che può combattere l'invecchiamento e prevenire le malattie legate all'età

Scienziati giapponesi hanno scoperto una proteina che potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel mantenimento di due strutture cellulari legate all'invecchiamento e alle malattie.

annuncio

I ricercatori hanno identificato una proteina che potrebbe aprire nuove possibilità per il trattamento delle malattie legate all'età.

Le proteine ​​aiutano a rimuovere gli organelli danneggiati, che sono subunità della cellula che svolgono importanti funzioni al suo interno e sono vitali per il suo funzionamento.

Due di essi, i mitocondri e i lisosomi, aiutano rispettivamente a produrre energia nelle cellule e a mantenerle sane.

Danni a questi organelli La connessione è stata stabilita Per l'invecchiamento e molte malattie, comprese le malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer, la malattia di Huntington e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

In un nuovo studio pubblicato su Giornale degli atti dell'Accademia nazionale delle scienzeGli scienziati dell'Università giapponese di Osaka e di altre scuole di medicina affermano che una proteina chiamata dominio esochinasi contenente 1 (HKDC1) aiuta a proteggere sia i mitocondri che i lisosomi.

“La modulazione della funzione HKDC1 potrebbe prevenire la senescenza cellulare associata all'invecchiamento e alle malattie legate all'età”, ha detto a Euronews Next il ricercatore capo Shuhei Nakamura, professore di biochimica alla Nara Medical University.

La senescenza cellulare si verifica quando le cellule smettono di dividersi, il che può impedire alle cellule di diventare cancerose ma contribuisce all’invecchiamento. Ricercatori Egli ha detto Alcuni studi indicano che prevenire l’invecchiamento può combattere l’invecchiamento umano e le malattie legate all’età.

Questo studio suggerisce inoltre specificamente che HKDC1 può influenzare il cancro del polmone e del fegato.

“La senescenza cellulare ha un ruolo causale in molte malattie legate all’età, comprese le malattie neurodegenerative, le malattie cardiovascolari, la fibrosi e la fragilità”, ha detto Nakamura.

READ  "Doccia dell'anno" per inviare 75 meteore all'ora attraverso il cielo questa settimana

“Quindi, la funzione HKDC1 probabilmente influenza queste malattie prevenendo la senescenza cellulare”.

“Questa nuova scoperta identifica un meccanismo molecolare critico che colpisce più di un organello in una cellula alla volta”, ha detto a Euronews.next Vidyani Suryadevara, professore di radiologia all'Università di Stanford.

Ha detto che potrebbe rivelare “un nuovo bersaglio molecolare per lo sviluppo di nuovi farmaci antigeriatrici” mirati alla senescenza cellulare.

In che modo questa proteina protegge gli organelli?

I mitocondri generano energia per la cellula. Quando sono danneggiati, devono essere rimossi affinché la cellula possa sopravvivere.

Le malattie neurodegenerative possono verificarsi quando si accumulano mitocondri danneggiati Ricercatori dell'Università di Harvard.

I mitocondri danneggiati vengono rimossi attraverso un processo chiamato mitofagia che si basa su proteine ​​chiamate PINK1 e Parkin.

Gli scienziati hanno ora scoperto che la proteina HKDC1 e la sua interazione con un’altra proteina chiamata fattore di trascrizione EB (TFEB) è cruciale per rimuovere i mitocondri danneggiati.

Hanno anche scoperto che la riduzione di HKDC1 interferisce con la riparazione lisosomiale.

“HKDC1 è localizzato nei mitocondri, giusto? Bene, anche questo sembra essere fondamentale per il processo di riparazione lisosomiale”, ha aggiunto Nakamura in una nota.

annuncio

“Vedete, lisosomi e mitocondri comunicano tra loro tramite proteine ​​chiamate VDAC. Nello specifico, HKDC1 è responsabile dell'interazione con i VDAC; questa proteina è essenziale per la comunicazione tra mitocondri e lisosomi, e quindi per la riparazione lisosomiale.

I ricercatori affermano che il mantenimento dei mitocondri e dei lisosomi non era stato compreso in precedenza.

Questo articolo è stato aggiornato con il commento di un esperto non coinvolto nello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *