Juventus: i giganti della Serie A hanno perso 15 punti sui trasferimenti

La Juventus gioca le partite casalinghe all'Allianz Stadium di Torino

La Federcalcio italiana ha affermato che 15 punti sono stati detratti dal saldo della Juventus dopo aver indagato sui precedenti accordi di trasferimento del club.

I giganti della Serie A sono stati accusati di aggiustare i propri bilanci attraverso guadagni artificiali derivanti dai trasferimenti dei club.

La Juventus era al terzo posto, ma il rigore la riporterebbe al decimo posto.

Il consiglio d'amministrazione del club, di cui fanno parte l'ex presidente Andrea Agnelli e il vice presidente Pavel Nedved, Si è dimesso a novembre.

La Juventus ha negato ogni addebito e ha confermato che presenterà ricorso contro la decisione.

Il club, in un comunicato, precisa di essere “in attesa della pubblicazione delle motivazioni della decisione” ma di aver avviato il ricorso al Comitato di Garanzia Sportiva del Comitato Olimpico Italiano (CONI).

La sanzione della Federcalcio italiana è più severa di quanto richiesto dalla Procura, con la penalità di nove punti.

Tra gli squalificati c'è anche il direttore sportivo del Tottenham

L'ex direttore sportivo della Juventus Fabio Paratici, ora amministratore delegato del calcio del Tottenham, è stato sospeso per 30 mesi.

La Federazione Italiana ha inoltre imposto una squalifica di due anni ad Agnelli e all'ex amministratore delegato del club Maurizio Arrivabene, mentre l'attuale direttore sportivo Federico Cherubini è stato squalificato per 16 mesi.

Sono state comminate sanzioni a 11 ex e attuali dirigenti della Juventus, con Nedved sospeso per otto mesi.

La federazione italiana afferma che tutti i divieti includono la richiesta che la sanzione venga estesa alla UEFA e alla FIFA e quindi applicata a livello mondiale.

Come siamo arrivati ​​qui?

La Juventus è stata inizialmente assolta Insieme ad altri 10 club, tra cui la capolista Napoli, nell'aprile 2022. Paratici e Agnelli erano tra le 59 persone assolte.

READ  Un posto fisso nel calendario resta l'obiettivo di Imola

L'indagine è stata riaperta a dicembre dopo che la Procura federale ha deciso di ricorrere in appello contro la sentenza.

Ciò fa seguito a nuove prove emerse da un'indagine separata sulle finanze della Juventus condotta dalla Procura di Torino.

La richiesta di riapertura del processo e di applicazione delle sanzioni riguarda nove degli 11 club originariamente indagati, tra cui Juventus, Sampdoria ed Empoli, club di Serie A, nonché 52 dirigenti di tali club.

La Juve riprende

I legali della Juventus hanno affermato che le sanzioni della federazione italiana “costituiscono una chiara disparità di trattamento nei confronti della Juventus e dei suoi amministratori rispetto a qualsiasi altra società o membro”.

E aggiungono: “Segnaliamo, finora, che solo la Juventus e i suoi dirigenti sono responsabili della violazione della norma, e che la stessa giustizia sportiva ha più volte ammesso che essa non esiste.

“Crediamo che questa sia anche una grave ingiustizia nei confronti di milioni di fan, che siamo fiduciosi saranno presto trattati al prossimo gradino di governo”.

In una dichiarazione rilasciata a novembre, il consiglio uscente ha affermato che le loro dimissioni “sono considerate nel miglior interesse sociale raccomandare alla Juventus di dotarsi di un nuovo consiglio per affrontare questi problemi”.

La Juventus ha vinto nove titoli di Serie A di fila durante i 13 anni di mandato di Agnelli, ma la scorsa stagione è arrivata quarta e ha perso 254 milioni di euro (220 milioni di sterline), un record italiano.

Agnelli è stato uno dei principali artefici di Piani secessionisti Per formare la Super League europea nel 2021 e di conseguenza si è dimesso da presidente del comitato dei club europei.

READ  Tornei Queen's Club Cinch: quando è il torneo di tennis ATP?

Approvato il nuovo consiglio di amministrazione Assemblea degli azionisti della Juventus mercoledì, con Gianluca Ferrero nominato a sostituirlo come presidente.

Anche la Juventus rischia un'indagine da parte della UEFA A causa di potenziali violazioni della licenza del club e delle norme sul Fair Play Finanziario, annunciate il mese scorso.

Il prossimo impegno di campionato della Juventus sarà domenica in casa contro l'Atalanta.

Nel 2006 la Juventus retrocede nella seconda divisione italiana, la Serie B. È stato anche privato di due scudetti italiani.

Ascolta i suoni dei bannerAscolta i suoni del footer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *