Gli scienziati hanno scoperto i benefici cognitivi della creatina

I ricercatori del Forschungszentrum Jülich hanno scoperto che una singola dose elevata di creatina può migliorare temporaneamente le funzioni cognitive compromesse dalla privazione del sonno, migliorando in particolare la capacità di elaborazione e la memoria a breve termine. Lo studio mette in guardia contro l’assunzione eccessiva di creatina a causa di potenziali rischi per la salute, sebbene indichi il potenziale futuro di miglioramento cognitivo a dosi più basse.

È stato scoperto che la creatina, un integratore ampiamente utilizzato tra gli atleti per migliorare le prestazioni fisiche, migliora temporaneamente le capacità cognitive colpite dalla privazione del sonno. Questa scoperta è stata fatta in uno studio scientifico condotto dai ricercatori del Forschungszentrum Jülich, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Rapporti scientifici.

La capacità di elaborazione e la memoria a breve termine sono state significativamente migliorate

Nell'ambito dello studio, 15 persone sono state tenute sveglie tutta la notte e durante questo periodo hanno dovuto risolvere compiti cognitivi. La privazione del sonno porta a cambiamenti nel metabolismo cerebrale che aumentano l’assorbimento della creatina da parte delle cellule. Prima di ciò, i soggetti del test avevano ricevuto un'unica dose elevata di creatina, un importante prodotto metabolico presente negli alimenti e che può essere prodotto anche dall'organismo stesso.

Tre ore dopo l'assunzione della creatina si può già osservare un effetto positivo sul metabolismo cerebrale e sulle prestazioni cognitive dei soggetti del test. L'effetto ha raggiunto il picco dopo quattro ore ed è durato fino a nove ore. In particolare, sono stati osservati miglioramenti nella capacità di elaborazione e nella memoria a breve termine.

“I risultati indicano che una dose singola ma elevata di creatina migliora la capacità di pensiero e provoca cambiamenti nelle riserve energetiche del cervello durante la privazione del sonno”, afferma il dottor Ali Gordjenejad, coordinatore dello studio dell'Istituto di Neuroscienze e Medicina (INM-2). Nel Forschungszentrum Jülich.

READ  Questa è l'immagine più dettagliata di un buco nero fino ad oggi

Si sconsiglia un'assunzione eccessiva di creatina

Vari studi hanno effettivamente riportato miglioramenti nelle prestazioni cognitive dopo una dieta prolungata a base di creatina. La sostanza contrasta anche i cambiamenti metabolici causati dalla privazione del sonno. Ecco perché i ricercatori Jülich hanno considerato la creatina un potenziale candidato per questo studio.

Finora non era possibile dimostrare l'effetto a breve termine osservato ora, poiché i neuroni del sistema nervoso centrale (SNC) possono assorbire la creatina solo in piccola parte. Di solito coprono le loro esigenze in larga misura attraverso la propria installazione. Solo ponendo il cervello in uno stato di “stress” attraverso le condizioni sperimentali nello studio di Jülich è stato promosso un aumento dell’assorbimento di creatina nelle cellule.

“Attualmente non è consigliabile assumere una dose così elevata di creatina a casa, perché dosi elevate della sostanza stressano troppo i reni e possono causare rischi per la salute”, afferma il dottor Gordjenejad. “Tuttavia, se studi futuri mostrassero un aumento delle prestazioni cognitive a dosi più basse, la creatina potrebbe diventare un serio concorrente del caffè durante le lunghe notti di lavoro”.

Riferimento: “Una singola dose di creatina migliora le prestazioni cognitive e induce cambiamenti nel fosfato ad alta energia del cervello durante la privazione del sonno” di Ali Gordjinejad, Andreas Matusch, Sophie Kleidorffer, Harshal Jayeshkumar Patel, Alexander Drzejka, David Elmenhorst, Ferdinand Benkowski e Andreas Bauer , 28 febbraio 2024, Rapporti scientifici.
doi: 10.1038/s41598-024-54249-9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *