Gli astronomi hanno scoperto un esopianeta estremamente caldo delle dimensioni della Terra con un emisfero di lava

Ingrandire / Come Kepler-10 b, mostrato sopra, l’esopianeta HD 63433 d appena scoperto è un piccolo pianeta roccioso che orbita in un’orbita stretta attorno alla sua stella.

NASA/AMES/JPL-Caltech/T. Mucchio

Gli astronomi hanno scoperto un insolito esopianeta delle dimensioni della Terra che credono contenga un emisfero di lava fusa, con l’altra metà bloccata nell’oscurità perpetua. Coautori e leader dello studio Benjamin Capestrant (Università della Florida) e Melinda Soares-Furtado (Università del Wisconsin-Madison) Fornire dettagli Ieri alle incontro dell'American Astronomical Society di New Orleans. Quello Documento associato È stato appena pubblicato sull'Astronomical Journal. scorso carta Pubblicato oggi sulla rivista Astronomy and Astrophysics da un altro gruppo, descrive la scoperta di un piccolo e freddo pianeta extrasolare con un massiccio pianeta extrasolare 100 volte la massa di Giove.

Come accennato in precedenza, grazie alla vasta gamma di esopianeti scoperti dalla missione Kepler, ora abbiamo una buona idea di quali tipi di pianeti esistono là fuori, dove orbitano e quanto sono comuni i diversi tipi. Ciò che ci manca è una buona idea di cosa ciò significhi in termini di condizioni sui pianeti stessi. Keplero può dirci le dimensioni di un pianeta, ma non sa di cosa sia fatto. E i pianeti nella “zona abitabile” attorno alle stelle potrebbero essere coerenti con qualsiasi cosa, dagli inferni ardenti alle rocce ghiacciate.

Il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) è stato lanciato con l’obiettivo di aiutarci a scoprire come sono realmente gli esopianeti. TESS è progettato per identificare i pianeti che orbitano attorno a stelle luminose relativamente vicine alla Terra, condizioni che dovrebbero consentire alle successive osservazioni di conoscere la loro composizione e forse la composizione delle loro atmosfere.

READ  La sequenza di DNA di un mammut più antica del mondo ha un milione di anni | Notizie sull'ambiente

Keplero e TESS identificano i pianeti utilizzando il cosiddetto metodo dei transiti. Questo vale per i sistemi in cui i pianeti orbitano su un piano che li porta tra la loro stella ospite e la Terra. Mentre ciò avviene, il pianeta blocca una piccola porzione della luce stellare che vediamo dalla Terra (o dalle orbite vicine). Se questi cali di luce si verificano regolarmente, indicano che c’è qualcosa in orbita attorno alla stella.

Questo ci dice qualcosa sul pianeta. La frequenza dei cali di luce di una stella ci dice quanto tempo impiega a orbitare, il che ci dice quanto è lontano un pianeta dalla sua stella ospite. Questo, oltre alla luminosità della stella ospite, ci dice quanta luce riceve il pianeta, che influenzerà la sua temperatura. (L'intervallo di distanze in cui le temperature corrispondono all'acqua liquida è chiamato zona abitabile.) Possiamo usarlo, insieme alla quantità di luce bloccata, per capire le dimensioni del pianeta.

Ma per comprendere veramente gli altri pianeti e la loro capacità di sostenere la vita, dobbiamo capire di cosa sono fatti e che aspetto hanno le loro atmosfere. Sebbene TESS non risponda a queste domande, è progettato per trovare pianeti con altri strumenti in grado di rispondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *