Gli alleati della NATO affermano che la Germania deve smettere di bloccare l’accordo sui carri armati con l’Ucraina

In un precedente discorso a Kiev, Zelenskyj ha attaccato la Germania per aver cercato di nascondersi dietro gli Stati Uniti per non aver autorizzato le consegne di carri armati.

“Ci sono momenti in cui non dovremmo esitare o confrontare”, ha detto. “Quando qualcuno dice: ‘Darò i carri armati se anche qualcun altro condividerà i carri armati.'” Non credo sia la strategia giusta da adottare”.

“Il coraggio dei nostri guerrieri… non è sufficiente contro migliaia di carri armati [the] Russia Unita”.

I carri armati sono fondamentali per respingere l’offensiva russa di primavera

Gli analisti affermano che i carri armati sono una parte importante di qualsiasi offensiva armata combinata per espellere la Russia dai territori occupati nell’Ucraina orientale e meridionale.

I funzionari di Kiev temono che senza consegnare almeno 100 carri armati saranno particolarmente vulnerabili a una nuova offensiva russa in primavera.

Esce come il Washington Post Ha riferito che William Burns, il direttore della CIA, si è recato segretamente a Kiev la scorsa settimana per incontrare il signor Zelensky.

Parlando a una conferenza dei donatori ucraini in Estonia, Wallace ha cercato di rassicurare Berlino dicendo che lo aveva già fatto Ha fornito a Kiev armi “molto più potenti” dei carri armati.

“Una cosa posso dire dallo scorso febbraio, l’abbiamo fatto insieme”, ha detto Wallace ai giornalisti alla base militare di Tapa fuori Tallinn.

Ha aggiunto: “Non credo che il carro armato sia lontanamente progressivo se si guarda all’impatto di Himar e dell’M270 [multi-launch rocket systems] Consegnato.

“Ci sono tre paesi che li hanno messi in Ucraina: Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti. Da un lato, sono molto più potenti di un carro armato Challenger convenzionale o di un Leopard”.

READ  Una donna di 76 anni con il fidanzato di 19 anni ha appena risposto ai troll

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.