Gianluigi Buffon a 45 anni: il più anziano statista italiano è giovane dentro

La carriera di Gianluigi Buffon sembrava volgere al termine nel 2010. All’età di 32 anni, il mal di schiena cronico lo ha trascinato giù per molto tempo.

La Juventus ha dovuto convocare giocatori del calibro di Alex Manninger e Marco Storari per la preoccupazione, e Buffon è stato sostituito da Federico Marchetti dopo aver subito un’ernia del disco a metà tempo nella partita di apertura della sfortunata stagione della Coppa del Mondo 2010 dell’Italia. influenzando la sua carriera.

Portieri e problemi alla schiena di solito non vanno d’accordo, e problemi persistenti come questi possono spesso segnare la fine per i tiratori. Ma Buffon è un portiere molto diverso, con una mentalità molto diversa.

leggi di più:

Di ritorno da quell’infortunio ai Mondiali sette mesi dopo, ha aggiunto altre 397 presenze in carriera al suo curriculum in 12 anni. In quell’incantesimo ha vinto altre 19 medaglie da vincitore, inclusi nove scudetti con Juve e Paris Saint-Germain.

In questi giorni è tornato con la sua prima squadra, il Parma, reduce da poco da un problema al bicipite femorale. Sabato compie 45 anni, ma una carriera incredibile è tutt’altro che finita.

Buffon ha collezionato oltre 1100 presenze in prima squadra dal suo esordio in Serie A con i gialloblu a 17 anni contro i campioni in carica dell’AC Milan. Entrato come sostituto alla mezz’ora in uno spareggio di qualificazione ai Mondiali contro la Russia in condizioni gelide e nebbiose a Mosca, l’allora 19enne ha prodotto una prestazione superba aiutando gli Azzurri a pareggiare l’andata prima di vincere il ritorno per la qualificazione alla fase finale del 1998 in Francia.

READ  Turki riceve un'antica stele tombale inviata dall'Italia

La cosa migliore di Buffon, e ciò che gli ha dato la possibilità di continuare a giocare fino alla metà degli anni ’40, è la sua attenzione ai dettagli. Per essere un portiere, ha un ritmo di lavoro eccezionale e si distingue come il re che può inventare un intervento chiave dopo decenni di inattività.

Quella qualità è stata particolarmente importante nei suoi primi due periodi con la Juventus, quando è passato al Parma nel 2001 per 52 milioni di euro, che sarebbe rimasto il record mondiale per un portiere fino a quando Alisson Becker non ha firmato per il Liverpool nel 2018.

La Juve ha i suoi soldi e anche di più. È stato una costante in un periodo che ha visto la Vecchia Signora vincere scudetti regolari, raggiungere la finale di Champions League e poi superare l’umiliazione della retrocessione dopo lo scandalo Calciopoli. Dopo l’immediato ritorno e la lotta per sfidare in Serie A, Antonio Conte ha portato una Juve rinnovata a nove Scudetti consecutivi in ​​uno stadio nuovo di zecca. Tuttavia, Buffon era in vantaggio. Man mano che artisti del calibro di Alessandro Del Piero, David Trezeguet e Mauro Camoranesi svanivano gradualmente, Buffon divenne il signor Juventus.

È speciale per un portiere essere selezionato per il Pallone d’Oro 10 volte, e Gigi è arrivato secondo dietro al compagno di squadra azzurro Fabio Cannavaro dopo aver vinto insieme la Coppa del Mondo nel 2006. Il fatto che sia arrivato quarto 11 anni dopo, titolare della Juventus, di nuovo finalista in Champions League e altrettanto importante quanto è sempre stato nella nazionale italiana la dice lunga sulla sua professionalità.

READ  Focus Italia - Aggiornamento Harness Racing

Potrebbe andare avanti all’infinito. Il suo attuale contratto con il Parma durerà fino all’estate del 2024 e ha dichiarato di essere felice di giocare fino alla metà degli anni ’50.

“Nel mio primo periodo ho fatto 10 anni con il Parma, poi 20 anni con la Juventus, uno con il Paris e un altro con la Juve, e ora chiudo il cerchio con il Parma”, ha detto la scorsa estate ad Alfredo Bedulla. “Non ho ancora nemmeno 100 anni! Posso andare in pensione a 55 anni? Più o meno. Sono 10 anni che penso a quando andrò in pensione, ma mi ritiro sempre.

Gianluigi Buffon ha dato la sua vita al calcio negli ultimi tre decenni, ma lo vedremo ancora per un po’ di tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *