L’Italia ha impedito lo sbarco dei migranti soccorsi e ha ordinato alla nave di lasciare il porto

Il nuovo governo di destra italiano sta cercando di impedire agli enti di beneficenza europei di sbarcare i migranti salvati dal Mediterraneo nei porti del Paese nel primo test della sua campagna per la repressione dell’immigrazione illegale dal Nord Africa.

Le nuove e dure tattiche di Roma hanno trattenuto i migranti per un massimo di 14 giorni su quattro navi gestite da associazioni di beneficenza umanitarie tra cui Medici Senza Frontiere, SOS Méditerranée e SOS Humanity.

Navi Salvataggio migranti Da barche molto cariche e non garantite nel Mediterraneo, di solito viene traghettato verso i porti sicuri più vicini in Italia.

Sabato notte l’Italia ha consentito a Humanity 1, nave operata dalla SOS Humanity con sede a Berlino, di attraccare al porto di Catania per portare a terra 144 bambini, donne incinte, madri con piccoli discendenti e “popolazioni vulnerabili” bisognose di cure mediche di emergenza . Manutenzione.

in ogni caso, il Governo Ha impedito lo sbarco ad altri 35 migranti e domenica ha ordinato a Humanity 1 di lasciare immediatamente il porto e le acque italiane.

Il capitano di Humanity 1 ha rifiutato, insistendo sul fatto che la legge marittima gli impone di “portare tutti coloro che sono stati salvati in mare in pericolo in un luogo sicuro” e che essere ancora a bordo con i soccorsi era “respingimento illegale”, ha affermato SOS Humanity.

Le persone soccorse hanno diritto a una “valutazione della sicurezza individuale, che può avvenire solo a terra” e l’evacuazione forzata della nave è una violazione sia della legge europea sui diritti umani che della Convenzione di Ginevra per il trattamento dei potenziali rifugiati.

La ONG ha dichiarato domenica sera che avrebbe intentato una causa legale contro il governo italiano per garantire i diritti di coloro che sono ancora intrappolati sulla nave.

READ  La guerra in Ucraina provoca mal di testa alla libertà di parola in Italia - POLITICA

Nel frattempo, la nave Geo Parents di MSF battente bandiera norvegese, con oltre 570 persone a bordo, è stata autorizzata ad attraccare a Catania domenica pomeriggio, ma, come Humanity 1, il governo italiano può mandare a terra solo persone che ritiene vulnerabili o bisognose di cure . .

L’Italia ha consentito lo sbarco a 357 passeggeri dei Geo Parents, ma ha costretto 215 a rimanere a bordo.

Amnesty International ha criticato “l’interpretazione creativa” di Roma del diritto del mare e i suoi sforzi per respingere alcuni migranti soccorsi in acque internazionali.

Altre due navi sono in attesa di autorizzazione per entrare nelle acque territoriali italiane per sbarcare i migranti soccorsi, nonostante le condizioni secondo le associazioni di beneficenza siano ancora terribili.

Claire Juchat, portavoce di SOS Méditerranée, dove 234 persone sono state salvate a bordo dell’Ocean Viking, ha dichiarato: “La situazione a bordo sta diventando sempre più insostenibile. Lasciare le persone in mare per 14 giorni è disumano.

In vista della vittoria elettorale di settembre, la coalizione di destra guidata da Giorgia Meloni e dai suoi fratelli italiani si è impegnata ad arginare il flusso di immigrati clandestini dal Nord Africa se avesse conquistato il potere.

Il nuovo governo Un approccio paneuropeo Ha puntato gli occhi sulle ONG che portano persone da barche non sicure ai porti italiani per attraversare il Mediterraneo nell’UE per l’immigrazione.

Il mese scorso il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha emesso un decreto in cui afferma che le operazioni di Ocean Viking e Humanity 1 sono “contrari allo spirito delle normative europee e italiane in materia di sicurezza, controllo delle frontiere e lotta all’immigrazione clandestina”.

READ  Guida alla trasmissione | Wallabies vs Italia e la finale della Coppa del Mondo di rugby femminile questo fine settimana

Piantedosi ha poi dichiarato al Corriere della Sera che il governo ha voluto segnalare agli altri Paesi europei che “l’Italia non può accettare migranti in mare da navi straniere che operano correttamente senza un preventivo coordinamento con le autorità”.

Attualmente, ha affermato, i migranti soccorsi da navi non governative rappresentano circa il 16 per cento di tutti gli immigrati clandestini che arrivano in Italia attraverso il Mediterraneo.

“Non sottovaluteremo mai il nostro dovere di salvare le persone in mare, ma crediamo che sia giunto il momento che l’unità europea diventi finalmente realtà”, ha affermato Piandosi.

Il nuovo approccio duro dell’Italia ha diviso i membri dell’UE. A seguito delle notizie sulle azioni di Humanity 1, Berlino ha negato qualsiasi responsabilità per la nave e ha affermato che l’Italia deve consentire urgentemente alle persone salvate di sbarcare.

Tuttavia, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha dichiarato che “abbiamo un grande debito di gratitudine” nei confronti del governo Meloni per aver “protetto i confini dell’Europa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.