“Fire Up” di Donald Trump si è preparato a rifiutare il consiglio di ritardare la corsa alla presidenza nel 2024

Ma eminenti repubblicani hanno espresso preoccupazione per il fatto che l’annuncio di Trump troppo presto nel processo sarebbe controproducente, sia per lui che per il partito.

È stata una “decisione ridicola”, ha affermato Chris Sunono, il governatore repubblicano del New Hampshire, che è stato facilmente rieletto alle elezioni di medio termine.

Il signor Sunono ha dichiarato: “Penso che ciò che l’ex presidente non capisca è che se farà un annuncio, nessuno sarà squalificato dalla gara.

“Ma nessun altro annuncerà fino all’estate o all’autunno per la varietà di cause di raccolta fondi e tutto il resto.

“Quindi sarebbe molto imbarazzante solo averlo in gara. A nessuno importerebbe davvero. Sarebbe strano”.

“Annuncio molto grande”

Alcuni potenziali candidati repubblicani, tra cui Nikki Haley, ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni UniteHanno detto che non avrebbero gareggiato con Trump nel 2024.

Tuttavia, molti altri si sono rifiutati di escluderlo.

Questo include il signor DeSantis e il signor Youngkin Mike Pence, ex vicepresidentee Mike Pompeo, ex Segretario di Stato.

Avranno il lusso di aspettare mesi e scegliere un momento per annunciare quando Trump si troverà in una posizione vulnerabile.

Trump, che compirà 78 anni quando si terranno le prossime elezioni Farà un “Annuncio molto importante” Martedì al Mar-a-Lago Resort in Florida.

Sperava di cavalcare l ‘”onda rossa” repubblicana di vittorie nelle elezioni di medio termine che sarebbero servite da trampolino di lancio per la sua nuova campagna presidenziale.

Ma ciò non è accaduto e una serie di battute d’arresto elettorali includeva la perdita di Mehmet Oz, il medico televisivo sostenuto da Trump, in una corsa importante per il Senato della Pennsylvania.

READ  Almeno 22 persone sono state uccise da forti nevicate in una località pakistana | Pakistan

Trump ha emesso una citazione in merito alle rivolte del 6 gennaio

Nel frattempo, venerdì gli avvocati di Trump hanno intentato una causa contro il comitato del Congresso che indaga sulle rivolte del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

La citazione di Trump è stata emessa Testimoniare e presentare documenti al comitato.

E i suoi avvocati, sostenendo che non avrebbe dovuto, hanno detto che nessun presidente o ex presidente era mai stato costretto Per rispettare una citazione del Congressoanche se alcuni lo hanno fatto volontariamente.

Hanno detto: “Precedenti e vecchie pratiche confermano che la separazione dei poteri impedisce al Congresso di costringere il presidente a testimoniare davanti a lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.