Film, musica e televisione hanno aiutato Pelé a raggiungere una maggiore celebrità

Che si tratti di un pellet o meno Ha segnato quasi 1.300 gol Nella sua carriera calcistica professionistica, tutti i suoi biografi concordano sul fatto che il tre volte campione della Coppa del Mondo abbia scritto più di 100 canzoni e venduto più di 100.000 copie di uno dei suoi album.

È stato anche nei film, in particolare nel film Victory della seconda guerra mondiale, ed è stato uno dei protagonisti della commedia brasiliana che ha portato più di 3,6 milioni di persone nei cinema del paese sudamericano.

Pelè, il cui nome completo è Edson Arantes do Nascimento, Giovedì è morto di cancro In un ospedale di San Paolo. Aveva 82 anni.

Il successo di Pelé nel calcio lo ha reso un’icona sportiva, ma a ciò ha aggiunto diverse esibizioni come attore e cantante.

Film

“Re Pelé” (O Rei Pelé, 1962)

Il primo momento sul grande schermo di Pelé è arrivato in un film diretto da Carlos Hugo Christensen lo stesso anno in cui ha vinto la sua seconda Coppa del Mondo. La narrazione inizia nella città natale di Pelé, Tres Coraques, e racconta del suo trasferimento nella città rurale di Bauru a San Paolo e poi a Santos, dove diventa una star globale.

“Vittoria” (1981)

Diretto da John Huston, è stato il film che Pelé ha detto di aver apprezzato di più. Svolgere il ruolo di caporale. Luis Fernandez, un soldato di Trinidad.

La trama coinvolge prigionieri di guerra che si preparano ad affrontare una squadra tedesca nella Parigi occupata dai nazisti nel bel mezzo del loro tentativo di fuga. A quel tempo con il New York Cosmos, Pelé ebbe l’opportunità di suonare con colleghi molto diversi: gli attori Sylvester Stallone e Michael Caine.

READ  Località turistica in Italia dipinta di rosso da vandali "vigliacchi".

Pelé ha scherzato in diverse interviste dopo la “vittoria”: “Se dovessi darmi un punteggio come attore, sarebbe 10”.

Ha anche detto agli amici che la sceneggiatura originale aveva Stallone in grado di segnare il gol della vittoria con un calcio di bicicletta, ma l’attore americano non aveva le capacità per farlo, quindi è stato invece inserito come portiere. Nel film è apparso anche l’ex capitano dell’Inghilterra Bobby Moore, insieme a molti altri calciatori professionisti.

Conosciuto in molti luoghi come Fuga per la vittoria, “Victory” ha incassato quasi 28 milioni di dollari al botteghino.

“I goffi e il re del calcio” (Os Trapalhões eo Rei do Futebol, 1986)

Questa era un’associazione tra due dei marchi più famosi del Brasile all’epoca: il gruppo Pelé recentemente in pensione e il gruppo di comici Three Stooges che divennero famosi per il loro programma televisivo Os Trapalhões (The Clumsies). L’apertura del film è tre giorni prima della finale della Coppa del Mondo del 1986 in cui l’Argentina di Diego Maradona ha battuto la Germania 3-2. Ci sono voluti milioni per il cinema in Brasile quell’anno.

Pelé ha interpretato il ruolo di un giornalista sportivo di nome Nascimento che ha sostituito il portiere infortunato di una squadra chiamata Independência Futebol Clube e ha segnato il gol della vittoria con un calcio di rinvio.

Pelé ha anche partecipato a documentari, tra cui “This is Pelé” (1974), “Pelé Eterno” (2004) e “Cine Pelé” (2011).

la televisione

I brasiliani sono ossessionati dalle telenovelas quanto lo sono dal calcio, e Pelé ha avuto molti cameo. La maggior parte delle sue apparizioni sono state nelle serie televisive Globo, che vengono spesso esportate nel resto del mondo.

READ  Joe Kerry recita al fianco di Lily James e Willem Dafoe in un dramma indipendente

L’autore Ivany Ribeiro è stato il primo a portarlo alla serie TV. Ha scelto Pelé in uno spettacolo chiamato “Os Estranhos” (The Outsiders), dove interpretava un famoso scrittore che viveva su un’isola e aveva amici extraterrestri.

L’ultima apparizione popolare di Pele in una serie TV è stata in “O Clone” (“The Clone”) del 2002, popolare in dozzine di altri paesi. Ha suonato se stesso e ha cantato la canzone “Em Busca do Penta” (La quinta richiesta). Le parole parlavano del Brasile che vinceva di nuovo la Coppa del Mondo. Tre mesi dopo, il Brasile ha vinto la sua quinta Coppa del Mondo.

Musicale

Peleginga è stato il suo più grande successo. Registrato con coro e orchestra, l’album di samba conteneva 12 canzoni scritte da Pelé e pubblicate nel 2006.

Tre anni dopo, la star brasiliana voleva registrare un altro album per un pubblico internazionale e ha invitato il cantante degli U2 Bono a condividere le canzoni su uno dei brani. L’irlandese era in tour con la sua band e il progetto fu abbandonato.

Pele ha anche segnato un disco con la cantante brasiliana Elice Regina e ha pubblicato un album prodotto dal cantautore vincitore del Grammy Award Sergio Mendes.

Caricatura

Pelé era anche un personaggio dei fumetti molto popolare in Brasile. Il fumettista Mauricio de Souza e Pelé, che all’epoca suonavano per il New York Cosmos, raggiunsero un accordo nel 1976 per pubblicare storie per bambini in forma di fumetto.

All’inizio, a Pelé non piacevano i lineamenti infantili di Pelezinho. Souza ha detto in diverse interviste che il giocatore voleva essere ritratto come un ragazzo forte e atletico. Il fumettista ha quindi suggerito di chiedere ai suoi figli la loro opinione. Entrambi i bambini la adorano.

READ  La star di "Emily in Paris" Ashley Park e l'amicizia di Florence Pugh sono troppo iconiche per le parole

Souza ha utilizzato diverse storie dell’infanzia di Pelé nelle trame di Pellezino. I fumetti sono stati pubblicati regolarmente dal 1977 al 1986, e successivamente in occasioni speciali. Il più recente è stato nel 2013, quando il Brasile ha ospitato la Confederations Cup, un torneo di preparazione per la Coppa del Mondo dell’anno successivo nel paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.