Amanda Knox affronta un nuovo processo per diffamazione in Italia che potrebbe rimuovere l'ultima macchia legale contro di lei

MILANO (AP) — Amanda Knox Questa settimana deve affrontare un altro processo per diffamazione in Italia, in un caso che potrebbe rimuovere l'ultima macchia legale contro di lui dopo otto anni. Corte Suprema d'Italia La sua condanna per l'omicidio del suo compagno di stanza britannico di 21 anni è stata respinta.

La Knox, che era una studentessa di 20 anni quando lei e il suo allora fidanzato furono accusati dell'omicidio di Meredith Kercher nel 2007, ha ricostruito una carriera negli Stati Uniti come avvocato, scrittrice, podcaster e produttrice. Un lavoro che attinge alla sua esperienza.

Ora 36enne e madre di due bambini piccoli, la Knox si batte per la riforma della giustizia penale e per aumentare la consapevolezza sulle confessioni forzate. Ha registrato una serie sulla resilienza per l'app di meditazione, un podcast con suo marito Christopher Robinson e una miniserie di prossima uscita sulle sue difficoltà nel sistema legale italiano per Hulu con Monica Lewinsky come produttrice esecutiva.

Sebbene la Corte di Cassazione italiana abbia stabilito nel 2015 che la Knox e l'allora fidanzato Raffaele Sollecito fossero innocenti del crimine, la condanna di un altro uomo il cui DNA era presente sulla scena ha messo in dubbio il ruolo della Knox, in particolare in Italia.

Il proprietario di un bar congolese è stato condannato per diffamazione per averlo accusato falsamente dell'omicidio, sentenza confermata dalla Corte Suprema nel 2015. Corte europea dei diritti dell'uomo La sentenza ha rilevato che i diritti della Knox sono stati violati durante una lunga udienza notturna senza un avvocato e un interprete ufficiale.

READ  L'Italia rischia la carenza di gas senza un nuovo terminale GNL, afferma l'amministratore delegato di Eni

Anche adesso, la Knox non è sicura che un verdetto di non colpevolezza influenzerà i suoi avversari nel nuovo processo che inizierà mercoledì a Firenze.

“Da un lato, sono felice di aver avuto l'opportunità di riabilitare il mio nome, e spero che questo rimuova lo stigma con cui convivo”, ha detto Knox, che non ha risposto a una richiesta di intervista. il suo podcast. Labirinti a dicembre.

“D'altra parte non so se accadrà mai e ne sono ancora scioccato. Sono sicuro che le persone che non vogliono capire quello che è successo continueranno a rimproverarmi e non Non voglio accettare che una persona innocente sia stata gasata e costretta a fare quello che ho fatto io.

Knox ha detto che si aspetta di testimoniare sul suo podcast, ma il suo avvocato ha detto che non è previsto in tribunale per il giorno dell'apertura.

L'avvocato della famiglia Kercher, Francesco Maresca, ha affermato che l'assoluzione dell'Alta Corte non dissipa i dubbi dopo la condanna di Knox da parte della corte di primo grado e di due corti d'appello, che la prima hanno aumentato la sua pena a 26 anni e la seconda a 28 anni e mezzo.

“Questo calvario non finirà mai – ha detto Maresca all'Associated Press – lasciando adombrare il ricordo della povera Meredith, che sarà sempre ricordata per questi aspetti pratici, non come una studentessa e una giovane donna”.

Tra i suoi dubbi, Knox ha citato il confuso ritiro delle accuse contro il proprietario del Congo Bar Patrick Lumumba e la condanna di Rudy Goode per l'omicidio della Kercher.

Ora 36enne, Guede è stato rilasciato Prigione nel 2021 Dopo aver scontato 13 anni, gli fu concessa una pena di 16 anni in un processo rapido. Guede lo era Ordinato di recente Indossare un braccialetto di monitoraggio e non uscire di notte dalla casa di un'ex ragazza dopo averla accusata di abusi fisici e sessuali. L'indagine è in corso.

READ  Il brillante Nicola Larini e il suo posto nella generazione perduta della F1 italiana

Il nuovo processo della Knox ammetterà solo una prova: la sua dichiarazione scritta a mano di quattro pagine, che la corte esaminerà per vedere se contiene elementi che supportano la diffamazione contro Lumumba. Dopo due settimane di carcere, è stato rilasciato dalla polizia. Lumumba lasciò poi l'Italia.

Due precedenti dichiarazioni, scritte a macchina dalla polizia e presumibilmente firmate dalla Knox nelle prime ore del 7 novembre 2007, contenevano accuse ed erano state ritenute così compromettenti da essere dichiarate inammissibili dalla Corte Suprema italiana.

La lettera di quattro pagine che ha scritto durante un'udienza durata 53 ore nell'arco di quattro giorni a partire dal 6 novembre riflette qualcuno in uno stato di confusione che cerca di conciliare ciò che gli ha detto la polizia con i suoi ricordi.

“Riguardo a questa dichiarazione che ho fatto ieri sera, voglio chiarire che ho seri dubbi sulla veridicità delle mie dichiarazioni perché sono state fatte sotto stress, shock ed estrema fatica”, ha scritto Knox. .

Ha citato i rapporti della polizia secondo cui Sollecito si sarebbe rivoltato contro di lui e che sarebbe stato arrestato e condannato a 30 anni di prigione.

Lauria Baldassare, avvocatessa italiana fondatrice del Progetto Innocenti, ha affermato che il tema delle condanne errate in Italia “sta iniziando a generare allarme sociale poiché assume dimensioni importanti”. , ma hanno affermato di aver avuto difficoltà a sfuggire allo stigma del loro verdetto di colpevolezza iniziale.

“C'è ancora una parte dell'opinione pubblica che non accetta la decisione della Corte di Cassazione, e questi dibattiti stanno diventando un gioco”, ha detto Baltassare, la cui organizzazione è indipendente dall'Innocence Project, che collabora con la Knox. “L'Italia non ha avuto la maturità per accettare un'emancipazione, perché i pregiudizi sociali erano più forti delle invenzioni”.

READ  L'Italia deve probabilmente l'invenzione della carbonara all'America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *