Altri 3 gatti sono risultati positivi all'influenza aviaria H5N1 negli Stati Uniti

Altri tre gatti sono risultati positivi al virus dell'influenza aviaria H5N1 in connessione con un crescente focolaio di vacche da latte negli Stati Uniti, hanno detto funzionari federali. Ciò porta a sei il numero di casi nei gatti nell’attuale epidemia.

Altri tre gatti sono recentemente risultati positivi all'influenza aviaria, ha affermato Sonya Olsen, direttrice associata per la preparazione e la risposta nella divisione influenza del CDC.

“Ad oggi, ci sono allevamenti colpiti in 33 allevamenti in otto stati. Ci sono anche sei rilevamenti confermati nei gatti di diversi allevamenti da latte e anche conferme negli uccelli selvatici in alcuni allevamenti”, ha detto Olsen.

Alla richiesta di maggiori informazioni sui nuovi casi, Olsen ha detto a BNO News: “Le segnalazioni che abbiamo sentito riguardavano gatti affetti da sintomi neurologici, rapido deterioramento e morte”.

Due nuovi casi sono stati scoperti in allevamenti da latte nella contea di Curry, nel Nuovo Messico, e un caso è stato scoperto in un allevamento da latte nella contea di Wood, Ohio. In precedenza era stato segnalato che altri tre gatti erano morti in allevamenti da latte in Texas.

La diffusione globale del ceppo H5N1 2.3.4.4b – e la sua recente diffusione a un numero crescente di mammiferi – ha sollevato preoccupazioni sulla possibilità di una variante futura che potrebbe portare alla trasmissione da uomo a uomo. Finora sono stati riscontrati solo pochi casi umani dopo il contatto con uccelli o bestiame infetti.

Alla fine di marzo, l’USDA ha confermato la scoperta dell’influenza aviaria nel latte non pastorizzato di mucche malate in Kansas e Texas, rendendo questa la prima scoperta mai riscontrata nei bovini. Da allora, sono stati segnalati 33 focolai in 8 stati e anche un lavoratore agricolo è risultato positivo al test in Texas.

READ  Un oggetto misterioso che non brilla da decenni potrebbe effettivamente essere il nono pianeta

All'inizio di questa settimana, i funzionari hanno confermato che frammenti virali del virus H5N1 sono stati trovati anche in campioni di latte commerciale, ma gli esperti dicono che è ancora sicuro da bere grazie alla pastorizzazione. Sono in corso ulteriori test per confermare questi risultati preliminari.

È noto che i gatti sono sensibili a questo nuovo ceppo del virus dell'influenza aviaria H5N1. Il primo caso è stato segnalato in un gatto con questa variante vicino a un allevamento di anatre nel sud della Francia nel dicembre 2022, che ha comportato l’eutanasia.

Mesi dopo, nel 2023, quasi 40 gatti morirono in due rifugi per animali in Corea del Sud dopo aver mangiato cibo per gatti contaminato. In Polonia, più di una dozzina di gatti sono morti in un’epidemia presumibilmente causata da carne cruda contaminata.

Negli Stati Uniti, almeno 19 gatti sono stati infettati dal virus dell’influenza aviaria H5N1, compresi i sei casi segnalati questo mese. Gli altri 13 casi si sono verificati lo scorso anno in relazione a pollame o uccelli selvatici infetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *