James Webb osserva misteriose strutture sopra la Grande Macchia Rossa di Giove

Rivela ciò che prima non era visibile.

Dalla noia allo sfinimento

Lo straordinario telescopio spaziale James Webb è stato utilizzato per fotografare i confini più remoti dell'universo. Ma con un cambio di ritmo, gli astronomi hanno usato la sua enorme potenza su un obiettivo molto più vicino alla Terra: il potente pianeta Giove – e così facendo, hanno scoperto caratteristiche e strutture misteriose sul gigante gassoso che non erano mai state viste prima. Per non parlare della straordinaria sincerità di James Webb.

Come dettagliato in Stare Pubblicato sulla rivista astronomia naturale, Gli scienziati hanno osservato una regione dell’atmosfera sospesa sopra la famosa Grande Macchia Rossa su Giove, una tempesta abbastanza massiccia da inghiottire la Terra e la più grande del sistema solare.

Nonostante le sue enormi dimensioni, questa parte dell'atmosfera è stata ignorata dagli astronomi, che in precedenza la descrivevano come poco interessante. Ora sono felici di ammettere che si sbagliavano completamente.

“Abbiamo pensato che quest'area, forse ingenuamente, sarebbe stata davvero noiosa”, ha detto in un articolo Henrik Melin, autore principale dello studio dell'Università di Leicester. dichiarazione “In realtà è interessante quanto l'aurora boreale, se non di più. Giove non smette mai di stupirci”, ha aggiunto.

Brillare

Quelle luci indicate da Mellin illuminano i poli nord e sud di Giove e possono essere facilmente viste. Ma c’è un bagliore più sottile nascosto nell’alta atmosfera che si è rivelato difficile da individuare per i telescopi terrestri. Potrebbe non essere così appariscente, ma la sua elusività è il suo fascino.

Fortunatamente, il telescopio James Webb ha una capacità unica di affrontare questo problema. Orbita nello spazio libero attorno al Sole ed è dotato di sensori a infrarossi avanzati, come il Near-Infrared Spectrometer (NIRSPEC), in grado di rilevare i segreti emessi anche dalle sorgenti luminose più deboli.

READ  Il James Webb Space Telescope condivide una nuova immagine dopo aver raggiunto lo stadio dell'ottica

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto ogni sorta di stranezza nascosta nelle osservazioni effettuate nel luglio 2022, inclusa quella pubblicata dall’Agenzia spaziale europea. Descritto Piace Strutture complesse“Archi oscuri” e “punti luminosi”.

Zona paninoteca

Poiché l'atmosfera superiore di Giove costituisce il confine tra l'atmosfera inferiore di Giove e il suo forte campo magnetico, ospita sorprendenti interazioni energetiche. Si ritiene che le luci del nord e del sud siano causate dall'espulsione di materiale vulcanico sulla sua luna Io.

Ma i ricercatori sospettano che sia qualcos’altro a causare il bagliore sopra la Grande Macchia Rossa: forti interazioni gravitazionali che raramente si vedono sulla Terra.

“Un modo per cambiare questa struttura è con le onde gravitazionali, simili alle onde che si infrangono su una spiaggia, creando increspature nella sabbia”, ha detto Henriques. “Queste onde vengono generate in profondità nella turbolenta atmosfera inferiore, attorno alla Grande Macchia Rossa, e possono viaggiare verso l’alto, modificando la struttura e le emissioni dell’atmosfera superiore”.

Gli astronomi sperano che, attraverso il monitoraggio continuo, possano rivelare come queste onde viaggiano attraverso l'atmosfera di Giove.

Maggiori informazioni sullo spazio: Sembra che ci sia qualcosa di strano che alimenta le stelle “immortali” al centro della nostra galassia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *