XCOM e lo sviluppatore di civiltà Firaxis ha circa 30 dipendenti

Firaxis Games, lo sviluppatore dietro titoli come XCOM, Civilization 6 e Marvel’s Midnight Suns l’anno scorso, ha licenziato circa 30 sviluppatori.

I licenziamenti sono avvenuti ieri secondo a Rapporto Asioscon un rappresentante dell’editore Firaxis 2K Games che ha detto al sito che i tagli sono stati apportati a causa di “un’attenzione maggiore, un aumento dell’efficienza e l’allineamento dei nostri talenti con le nostre massime priorità”.

Questi ultimi tagli di posti di lavoro segnano il secondo round di licenziamenti dell’editore quest’anno. A marzo, Take-Two ha confermato che avrebbe tagliato i posti di lavoro presso Private Division, l’etichetta editoriale dietro il software OlliOlli World e Kerbal Space, insieme ad altre parti non specificate dell’azienda.

Telegiornale: il PlayStation Showcase ha visto Sony armeggiare con i suoi futuri piani proprietari.

A quel tempo, Take-Two definì i licenziamenti “passi necessari” poiché cercava di “posizionare l’azienda per un altro lungo periodo di successo”. L’editore ha accennato per la prima volta che si stava preparando a tagliare posti di lavoro durante la relazione finanziaria del terzo trimestre dello scorso anno, quando ha annunciato un “programma di riduzione dei costi” da 50 milioni di dollari che avrebbe interessato “persone, operazioni, infrastrutture e altre aree… concentrandosi principalmente su imprese.” e funzioni editoriali.

Ha seguito una serie di fallimenti di alto profilo per l’editore, tra cui l’eccellente ma trascurato Marvel’s Midnight Suns di Firaxis, PGA Tour 2K23 e New Tales of the Borderlands.

Il regista di Marvel’s Midnight Suns e XCOM Jake Solomon ha annunciato la sua partenza da Firaxis a febbraio, dopo 23 anni con lo studio. Come parte dello stesso annuncio, 2K ha confermato che lo sviluppatore ha iniziato a lavorare sulla “prossima iterazione di Legendary Civilization” della serie, con il designer Ed Beach che ha progettato 6.

READ  è tutto pronto! Nintendo Switch ottiene un controller del treno in Giappone

La notizia di oggi è solo l’ultima di un’ondata di tagli di posti di lavoro nel settore dei giochi, con Unity, Microsoft, Take-Two, Riot Games, EA, Twitch, Meta, CD Projekt, Sega e Ubisoft che hanno annunciato licenziamenti negli ultimi mesi. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *