Una nave da guerra iraniana si capovolge in un porto del Golfo

Una nave da guerra iraniana si è capovolta mentre era in riparazione nel porto, uccidendo due ufficiali e ferendone molti altri.

I media ufficiali hanno riferito che il cacciatorpediniere della Marina Sahand si trovava nel porto meridionale di Bandar Abbas, vicino allo Stretto di Hormuz, quando affondò.

“Mentre la nave Sahand veniva riparata al molo, ha perso l'equilibrio a causa dell'ingresso di acqua. Fortunatamente, la nave è tornata rapidamente al suo equilibrio”, ha riferito l'agenzia di stampa della Repubblica islamica, citando una dichiarazione della marina.

La Sahand, che prende il nome da una montagna nel nord dell’Iran, ha impiegato sei anni per essere costruita ed è stata lanciata nel Golfo Persico nel dicembre 2018. La nave da 1.300 tonnellate era dotata di missili terra-superficie e terra-aria, sistemi anti-aereo. batterie di aerei, capacità radar avanzate e antiaerea.

Il suo capovolgimento è stato l'ultimo disastro accaduto alla Marina iraniana. Nel gennaio 2018, il cacciatorpediniere navale Damavand è affondato nel Mar Caspio dopo essersi scontrato con un frangiflutti. Nel giugno 2021, la più grande nave da guerra iraniana dell'epoca, la Kharg, affondò dopo aver preso fuoco nel Golfo di Oman.

Sebbene i media locali abbiano descritto l’incidente come un incidente, alcuni analisti sostengono che potrebbe essere stato il risultato di un attacco informatico israeliano.

Vulnerabile all'hacking

L’ostilità tra Israele e Iran si è intensificata da quando Israele ha dichiarato guerra a Hamas in ottobre, provocando un attacco aereo israeliano sul consolato iraniano a Damasco e un’ondata di attacchi missilistici da parte di Teheran in risposta.

Ronen Solomon, un analista di sicurezza israeliano, ha detto al Telegraph che il sistema della nave è vulnerabile agli attacchi hacker perché è controllato a distanza da dispositivi.

READ  India: La casa di un musulmano legato al profeta Maometto commenta le rivolte distrutte dalle autorità | notizie dal mondo

Ha aggiunto: “Lo sappiamo perché è stato l'Iran a sviluppare un attacco informatico contro le navi occidentali nel 2021, comprese le navi britanniche, basato sullo stesso concetto”.

Ha aggiunto che l'ultimo incidente contiene “tutti gli elementi che potrebbero indicare un'operazione complessa con uno spazio di negabilità che conviene ad entrambe le parti, Israele e Iran”.

Uno degli attacchi informatici israeliani più importanti del 2020 è avvenuto nel porto iraniano di Shahid Rajai.

L'attacco ha causato il caos nel porto, provocando disordini per diversi giorni. Gli Stati Uniti hanno accusato Israele, affermando che l’attacco era in risposta a un tentativo iraniano di lanciare un attacco informatico contro le sue strutture portuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *