Un tribunale americano ritiene che la campagna israeliana a Gaza costituisca un genocidio Israele

Una corte federale della California ha stabilito che la campagna militare israeliana a Gaza equivale “ragionevolmente” ad un genocidio, ma ha respinto un caso che cercava di fermare il sostegno militare americano a Israele in quanto esterno alla giurisdizione della corte.

“Ci sono rari casi in cui non è possibile raggiungere l'esito preferito di un tribunale. Questo è uno di quei casi”, ha sentenziato il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California. “Il tribunale è vincolato dai precedenti e dalla divisione dei nostri rami coordinati di governo ad astenersi dall’esercitare giurisdizione in questa materia”.

“Tuttavia, come dice la Corte internazionale di giustizia [the international court of justice] “Trovo plausibile che la condotta di Israele equivalga a un genocidio”, ha affermato il giudice del caso, Jeffrey White. Lo ha detto nella sua sentenzain una causa intentata da gruppi palestinesi per i diritti umani e individui palestinesi contro il presidente Joe Biden, Anthony Blinken, Segretario di Stato, e Lloyd Austin, Segretario della Difesa.

La sentenza afferma: “Questa corte invita gli imputati a studiare le conseguenze del loro fermo sostegno all’assedio militare contro i palestinesi a Gaza”.

Il giudice ha spiegato la sua decisione affermando che la questione esula dalla giurisdizione del suo tribunale, perché i gruppi palestinesi chiedevano che essa interferisse nella politica estera americana.

“Poiché qualsiasi determinazione a contestare la decisione del ramo esecutivo del governo di sostenere Israele è irta di seri problemi politici, le affermazioni avanzate dai querelanti qui cadono al di fuori della giurisdizione limitata della corte”, ha detto White.

I gruppi palestinesi e i loro avvocati hanno detto che possono ricorrere in appello contro l'archiviazione del caso, ma hanno accolto con favore la sentenza del giudice sulla possibilità di genocidio.

READ  Egitto: 11 morti e 98 feriti dopo un treno deragliato vicino al Cairo | Notizie dal Medio Oriente

“Sebbene siamo fortemente in disaccordo con la sentenza finale della corte, esortiamo l'amministrazione Biden a dare ascolto alla chiamata del giudice di esaminare e porre fine alla sua linea di condotta mortale”, ha affermato Katherine Gallagher, avvocato senior del Centro per i diritti costituzionali, che ha sostenuto la decisione finale della Corte. ordine. Il caso è davanti al tribunale.

Nella sua sentenza, White ha fatto ampio riferimento al caso di genocidio del Sud Africa contro Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia, che il 26 gennaio ha emesso “misure provvisorie” invitando Israele ad “adottare tutte le misure di sua autorità” per prevenire atti coperti dal tribunale. . Convenzione sul genocidio e garantire “con effetto immediato” che le sue forze non commettano nessuno degli atti contemplati dalla convenzione.

Israele ha respinto il procedimento della Corte internazionale di giustizia in quanto rappresenta una visione “profondamente distorta” della guerra di Gaza, “appena distinguibile” dalla visione di Hamas.

White ha ascoltato all'udienza ad Auckland Prove di esperti nel campo del genocidio “Le prove indiscutibili davanti a questa corte sono coerenti con le conclusioni della Corte internazionale di giustizia e indicano che l’attuale trattamento dei palestinesi nella Striscia di Gaza da parte dell’esercito israeliano può costituire un genocidio in violazione del diritto internazionale”, ha affermato nella sua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *