Un ente di beneficenza per migranti sfida l’Italia sulle restrizioni sugli aerei di sorveglianza

Un ente di salvataggio tedesco ha lanciato mercoledì una nuova missione di sorveglianza aerea dall'Italia per rintracciare le imbarcazioni di migranti in difficoltà nel Mediterraneo centrale, nonostante le restrizioni imposte dalle autorità italiane. L’Ente italiano per l’aviazione civile (ENAC) ha dichiarato questa settimana che bandirà i piccoli aerei utilizzati dalle associazioni di beneficenza per i migranti dagli aeroporti delle isole della Sicilia, Pantelleria e Lampedusa, che sono i più vicini alle rotte migratorie marittime.

La decisione rappresenta l'ultimo tentativo italiano di limitare le attività dei gruppi di aiuto ai migranti, che l'amministrazione di destra del primo ministro Giorgia Meloni ha accusato di attirare l'immigrazione clandestina. “L'ENAC vieta il monitoraggio dei diritti umani nel Mar Mediterraneo. Gli aerei delle ONG non sono più autorizzati a volare. La nostra risposta: il (nostro) Seabird è decollato oggi (da Lampedusa) poco dopo le 13”, ha scritto l'organizzazione benefica Sea-Watch sul sito di X. .

Un portavoce dell'Enac non ha risposto immediatamente ad una richiesta di commento. In un decreto scritto pubblicato lunedì, l'ENAC ha affermato che gli aerei della ONG sono “ingiustificati”, rappresentano un peso per le squadre di soccorso ufficiali e rischiano di mettere a repentaglio la sicurezza dei migranti.

Sea-Watch martedì ha definito la mossa un “atto codardo e cinico da parte di coloro che criminalizzano le ONG per propaganda politica” e ha affermato che intende ancora prendere il volo per aiutare i migranti in difficoltà. Flavio Di Giacomo, portavoce dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, ha affermato che la decisione italiana “potrebbe ostacolare gli sforzi per salvare vite umane” e ha aggiunto che la sua agenzia è “in attesa di comprendere l'effettiva attuazione della decisione”.

READ  La Commissione UE sta esaminando il caso fiscale italiano contro Meta Sources

Gli aerei di sorveglianza delle ONG trovano regolarmente imbarcazioni in pericolo e indirizzano i soccorritori verso le loro posizioni. Hanno anche documentato respingimenti aggressivi da parte della Guardia costiera libica, che riceve finanziamenti europei per impedire ai migranti di attraversare il mare. La Meloni ha vinto la carica nel 2022, promettendo di reprimere i migranti che arrivano dall’Africa.

Da allora, il suo governo ha reso sempre più difficile per le navi di beneficenza operare nel Mediterraneo, limitando il numero di salvataggi che possono effettuare e spesso costringendole a intraprendere enormi rotte diversive per portare i migranti a riva. Ha inoltre collaborato con l’Unione Europea per convincere sia la Libia che la Tunisia a rallentare i flussi, e ha firmato un accordo senza precedenti con l’Albania per costruire lì centri di detenzione per migranti.

Il governo afferma che le sue misure hanno avuto successo e hanno ridotto i casi di annegamento durante le traversate pericolose. I dati ufficiali mostrano che finora quest’anno sono arrivati ​​in Italia via mare 17.666 migranti, rispetto ai 44.739 dello stesso periodo del 2023.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed distribuito.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *