Travis King è sotto custodia americana dopo aver espulso la Corea del Nord

  • Scritto da Bernd Debusmann Jr
  • Notizie della BBC, Washington

Commenta la foto,

Di Travis King non si è più visto né sentito parlare da quando ha lasciato la Corea del Sud a luglio

Il soldato americano Travis King, fuggito dalla Corea del Sud alla Corea del Nord a luglio, è sotto custodia americana dopo essere stato espulso da Pyongyang, hanno detto i funzionari.

Secondo quanto riportato dai media statunitensi, PT King è stato trasferito sotto la custodia statunitense in Cina.

Lo specialista di ricognizione, 23 anni, è entrato illegalmente nella Corea del Nord a luglio.

I media nordcoreani hanno affermato che è fuggito a causa del “trattamento disumano” e del razzismo all’interno dell’esercito americano.

Le sue condizioni e i dettagli della sua detenzione in Corea del Nord rimangono poco chiari.

Mercoledì scorso, l’agenzia di stampa statale della Corea del Nord ha affermato che il paese ha deciso di licenziare PT King, senza fornire ulteriori dettagli.

La dichiarazione afferma: “L’autorità competente della Repubblica popolare democratica di Corea ha deciso di deportare il soldato americano Travis King, che è entrato illegalmente nel territorio della Repubblica, in conformità con le leggi della Repubblica”.

PT King è nell’esercito dal gennaio 2021 ed è stato in Corea del Sud come parte di una rotazione di unità.

Prima di entrare in Corea del Nord, ha trascorso due mesi in detenzione in Corea del Sud con l’accusa di aver aggredito due persone e di aver preso a calci un’auto della polizia. È stato rilasciato dalla custodia il 10 luglio.

Doveva tornare negli Stati Uniti per un procedimento disciplinare, ma ha potuto lasciare l’aeroporto e partecipare a una visita guidata al villaggio di confine di Panmunjom, nella zona demilitarizzata ad alta sicurezza tra i due paesi. PT King è entrato nella Corea del Nord durante il tour.

Non è chiaro se potrebbe dover affrontare ulteriori accuse a causa della sua decisione di entrare nella Corea del Nord.

In una dichiarazione, il portavoce del Pentagono, generale di brigata Patrick Ryder, ha espresso i suoi ringraziamenti ai governi svedese e cinese per aver contribuito a garantire il rilascio di PT King.

Poiché gli Stati Uniti non hanno relazioni diplomatiche con la Corea del Nord, l’ambasciata svedese a Pyongyang negozia tradizionalmente per conto degli Stati Uniti.

Un portavoce dell’ambasciata svedese ha confermato che il Paese ha agito “nell’ambito del suo ruolo di forza protettiva” per gli Stati Uniti in Corea del Nord durante il caso King.

Il Dipartimento di Stato americano e la Casa Bianca non hanno immediatamente commentato la questione.

Jonathan Franks, portavoce della madre di PT King, Claudine Gates, ha dichiarato in un comunicato che lei “sarà per sempre grata” all’esercito americano e ai suoi partner “per l’ottimo lavoro che svolgono”.

La dichiarazione aggiunge che la famiglia di PT King non intende condurre alcuna intervista “nel prossimo futuro”.

I suoi parenti avevano precedentemente riferito ai media americani che era stato oggetto di discriminazione mentre prestava servizio nell’esercito americano.

Hanno detto che la sua salute mentale ha sofferto durante la sua detenzione in Corea del Sud.

In un’intervista con l’agenzia di stampa Associated Press il mese scorso, la signora Gates ha detto che suo figlio aveva “molte ragioni per tornare a casa”.

“Non riesco a vederlo voler restare in Corea quando ha famiglia in America”, ha detto.

Il rilascio di PT King da parte della Corea del Nord dopo 71 giorni è rapido rispetto a quello di altri americani precedentemente detenuti dal paese.

Alcuni analisti hanno ipotizzato che Pyongyang potrebbe aver scelto di utilizzare il soldato americano come merce di scambio diplomatica.

Mick Mulroy, ex vice segretario alla difesa e ufficiale paramilitare della CIA, ha detto alla BBC che è stata una “buona cosa” che PT King sia stato restituito alla custodia degli Stati Uniti, anche se era “un giovane che ha commesso alcuni errori”.

Mulroy ha aggiunto: “È un soldato americano ed era importante fare tutto il possibile per riportarlo a casa”.

READ  Kim Jong Un avverte di una crisi economica storica in Corea del Nord | Kim Jong Un

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *