Swiatek batte Sabalenka e alza il titolo dell'Open d'Italia

Se Iga Swiatek riesce a mantenere la sua forma, è difficile immaginare che qualcuno le impedisca di vincere il quarto titolo dell'Open di Francia.

La numero uno del mondo Swiatek ha dominato il suo ultimo incontro con la sua rivale più vicina, Aryna Sabalenka, vincendo la finale dell'Open d'Italia 6-2, 6-3 sabato e conquistando il suo terzo titolo sui campi in terra rossa di Roma.

Polarity non ha perso un set al Foro Italico e ha esteso la sua serie di vittorie consecutive a 12 partite. In semifinale, ha quasi dominato con una vittoria per 6-4, 6-3 sulla campionessa degli US Open Coco Gauff.

Il torneo Roland Garros inizierà il prossimo fine settimana e Swiatek cercherà di vincere il suo terzo titolo consecutivo a Parigi e il quarto assoluto.

“Ovviamente ho fiducia in me stesso. Mi sento come se stessi giocando un ottimo tennis”, ha detto Swiatek.

“Ma questo non cambia il fatto che voglio davvero rimanere umile e concentrarmi davvero sul fare tutto passo dopo passo. Gli Slam sono diversi. Ci sono pressioni diverse dentro e fuori dal campo.

“Sono sette partite difficili che bisogna vincere, quindi non do nulla per scontato. Lavorerò duro come ho fatto a Madrid e Roma e vedremo”.

Dopo essersi congratulata con Swiatek durante la cerimonia del trofeo, Sabalenka ha detto alla sua avversaria: “Spero che raggiungeremo la finale al Roland Garros, e ti porterò lì”.

Sabalenka ha poi aggiunto: “Sto scherzando. Cercherò di fare meglio di oggi”.

Swiatek ha risposto durante il suo discorso dicendo: “Per la finale del Roland Garros vedremo”.

Swiatek è diventata la prima donna a completare il “doppio sporco” vincendo rispettivamente Madrid e Roma da Serena Williams nel 2013.

READ  Coppa del mondo di rugby 2023: perché molti neozelandesi definiscono il rapporto con gli All Blacks come "scarsa fiducia"

La finale è stata molto diversa da quando Swiatek ha salvato tre match point prima di sconfiggere Sabalenka nel tie-break del terzo set nella finale dell'Open di Madrid due settimane fa.

“Madrid, non sentivo di poter fare tutto. Qui in un certo senso l'ho fatto”, ha detto Swiatek. “Mi sentivo come se potessi davvero usare quella superficie e quella sensazione per giocare meglio.”

Swiatek ha esercitato così tanta pressione fin dall'inizio che Sabalenka ha colpito la sua racchetta sulla terra battuta nel quarto gioco e poi ha dovuto tirare fuori una nuova racchetta dalla borsa.

Anche nei momenti in cui Sabalenka sembrava avere il controllo, Swiatek ha usato la sua velocità impressionante e i suoi colpi da fondo campo precisi per cambiare la situazione e costringere Sabalenka a commettere errori.

“Il suo movimento è incredibile. Sai sempre che devi costruire il punto e devi finirlo”, ha detto Sabalenka.

“Ecco perché a volte provo a superare la palla, sapendo che prima o poi arriverà il momento… È davvero brava in ogni aspetto del gioco”.

Swiatek ha effettuato solo 11 tiri riusciti rispetto ai 18 di Sabalenka, ma ha anche commesso otto errori non forzati rispetto ai 28 di Sabalenka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *