Sottar elogia Cercatti mentre gli australiani tengono d’occhio il prossimo lavoro dell’italiano

L’enfatico debutto di Alessandro Cercati fa venire l’acquolina in bocca ai Socceroos, mentre l’allenatore Graham Arnold guarda all’entusiasmante prospettiva di un’altra stella qualificata in Italia.

Arnold ha rivelato dopo la vittoria per 2-0 dei Roos sulla Nuova Zelanda a Londra per sollevare le ceneri del calcio di aver avuto un “grande incontro” con l’amico di Cercatti, il nazionale Under 19 italiano nato a Sydney Cristian Volpato, riguardo all’impegno in Australia.

“Comunicato con lui tutto il tempo, ma non gli farò pressione”, ha detto Arnold del giovane trequartista Volpato, che si sta dirigendo al club italiano Sassuolo.

“Devi farlo perché vuoi farlo. Abbiamo avuto una bella conversazione, ci siamo divertiti. Vuole concentrarsi sul suo club, sul calcio, senza problemi”.

“Alessandro Cercati è stato lo stesso, gli ho parlato tante volte ma è stata una sua decisione. Il suo istinto ha dovuto dirgli che era la decisione giusta non appena si è messo questo logo sul cuore”.

Cercati, italiano di nascita e cresciuto a Perth, vicino a Volpato dopo aver giocato con lui nelle giovanili, crede di aver preso davvero la decisione giusta dopo il suo impressionante debutto come difensore centrale contro gli All Whites.

Il giovane, che ora impressiona nel club di Serie B del Parma, e il suo partner imponente Harry Souttar hanno mantenuto calmo l’attaccante della Premier League Chris Wood, anche se Cercate ha coronato il suo debutto con un assist, annuendo attraverso la palla a Mitch Duke per seppellire il primo gol dell’Australia.

In tutta onestà, non è mai sembrato sotto pressione da parte di una squadra regolare neozelandese che non potesse rendere un buon servizio a Wood, ma il suo equilibrio e la precisione sulla palla lo hanno reso un inchino davvero abile.

READ  La storia dietro il record mondiale del ciclista americano Ashton Lampe nell'inseguimento individuale dei 4.000 m

“È un sogno d’infanzia diventato realtà”, ha detto Cercate, che ha appena compiuto 20 anni. “Essere in Australia per 17 anni e essere cresciuto lì per tutta la vita, significa molto”.

“Era la nostra prima partita insieme a H (Souttar). Sento che abbiamo un po’ di chimica, giochiamo bene insieme e comprendiamo i punti di forza l’uno dell’altro. Abbiamo giocato con loro”.

Soutar è rimasto sicuramente colpito. “Senti, voglio fare un grande saluto ad Alessandro”, ha detto.

“Esordire contro Chris Wood, che è un attaccante veterano della Premier League – grande, fisico e bravo a fermare il gioco e il movimento – e sembrare calmo sulla palla è stato eccellente.

“Anche i suoi movimenti difensivi senza palla, che si coprono a vicenda. Non vedo l’ora di giocare di più con lui”, ha aggiunto.

“Ma abbiamo molte opzioni per svolgere questo ruolo difensivo ora, e tutti devono essere pronti e comportarsi bene quando chiamati in causa. Perché abbiamo Cam Burgess, Milos (Degenek), Ki (Rolls) e molti altri giocatori”. Venendo da lì.”

calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *