Sono per metà italiano e vivo in una casa toscana da 128mila sterline, ma non posso andare in pensione a tempo pieno

Un architetto italo-scozzese in pensione che ha acquistato una casa per le vacanze in Italia per sfuggire alla Brexit afferma che potrebbe dover aspettare fino a 10 anni per godersela appieno mentre lotta per ottenere la cittadinanza.

Sonia Romano (nome di fantasia), di Edimburgo, ha acquistato l'anno scorso un cottage di campagna con due camere da letto e un uliveto nella campagna vicino a Siena, in Toscana, per 150.000 euro (128.000 sterline). Riprogettazione.

Il 77enne ha anche acquistato per 6.000 euro (5.100 sterline) un cottage annesso dove gli agricoltori tenevano le loro capre, che intende trasformare in uno studio di architettura per continuare a lavorare per clienti italiani, specializzandosi in piscine di lusso.

Tuttavia, sebbene suo padre fosse italiano, non ha concesso alla figlia la cittadinanza e la signora Romano ha solo un passaporto britannico. Ora deve affrontare diversi ostacoli burocratici per ottenere un passaporto italiano, che secondo lui potrebbero richiedere un decennio per essere risolti.

“Sarò morta molto prima di ottenere la cittadinanza italiana, quindi se non riesco a ottenere un visto per pensionati, sarò condannata alla regola dei 90 giorni se vado in Europa”, dice la signora Romano. Sono.

Secondo la regola sui viaggi post-Brexit, i cittadini extra-UE possono trascorrere nell’UE solo 90 giorni su 180 giorni.

Il padre napoletano della signora Romano si è trasferito in Scozia 85 anni fa per lavorare come pizzaiolo e sposare un sarto scozzese.

Ma non ha concesso la cittadinanza alla figlia, e la signora Romano ha solo il passaporto britannico. Ora deve affrontare un ostacolo burocratico per ottenere un passaporto italiano che, a suo dire, potrebbe richiedere un decennio per essere risolto.

READ  Testa in marmo dell'imperatore romano Augusto trovata in Italia - ARTnews.com

In primo luogo, la vedova ha difficoltà a registrarsi nuovamente come italiana di origine scozzese. Dovrà fare i conti con la lentezza degli uffici immigrazione in Italia e con un’impennata delle domande post-Brexit.

La signora Romano dice che non vuole vivere nel Regno Unito dopo la Brexit e sogna di vivere il resto dei suoi giorni in Toscana.

“L'Inghilterra sta attraversando un periodo infernale e la crisi economica innescata dalla Brexit ha lasciato molti britannici a dormire in mezzo al nulla. Nel profondo, mi sono sempre sentito più europeo che britannico”, afferma.

“Il problema è che, quando sono nato a Edimburgo, i miei genitori mi hanno registrato come neonato scozzese, non italiano, quindi la linea di cittadinanza italiana di mio padre è stata interrotta.”

Crede che i suoi genitori volessero che fosse scozzese perché fino a pochi decenni fa gli immigrati italiani erano talvolta “disprezzati dalla comunità locale e spesso discriminati, rendendo loro difficile trovare lavoro”.

La signora Romano ha assunto un avvocato specializzato in immigrazione a Roma il quale ha affermato che avrebbe dovuto registrarsi nuovamente e ottenere un nuovo certificato di nascita come italiana nata in Inghilterra – 70 anni fa – per richiedere la cittadinanza italiana.

“È pazzesco, è molto difficile nel Regno Unito correggere un certificato di nascita dopo molti anni, e puoi farlo se i dettagli su tuo padre o tua madre sono sbagliati”, dice la signora Romano. “È difficile continuare una battaglia basata sul voler cambiare la decisione dei miei genitori di registrarmi come scozzese alla nascita.”

La signora Romano afferma che la quantità di documentazione necessaria è enorme, poiché potrebbero volerci quattro anni per portare alla luce l'atto di nascita di suo padre e i documenti che dimostrano la sua cittadinanza italiana e le sue origini a Napoli.

READ  "È bello essere uniti, siamo così felici"

Una volta ritirati i documenti dovrà confrontarsi con il consolato italiano a Edimburgo, che ha un arretrato di richieste di cittadinanza.

“Dopo la Brexit, molti scozzesi con radici italiane hanno chiesto la cittadinanza, che ora può essere ottenuta. Quattro-cinque anni per ottenerlo. Quindi in totale dovrò aspettare 10 anni per essere italiano. lei dice.

Nel frattempo, la signora Romano, che fa la pendolare tra Edimburgo e la Toscana ogni due mesi, ha fatto domanda per un visto di residenza elettiva (ERV), sperando che le venga concesso mentre aspetta il passaporto italiano.

L'ERV è per gli espatriati non UE, che è un reddito passivo derivato dalle pensioni e dall'affitto di proprietà con sede all'estero di almeno € 31.000 all'anno per un individuo.

“La mia pensione è di 50.000 euro, quindi ci dovrebbero essere buone probabilità di averne una”, dice la Romano, aggiungendo che potrebbe volerci un anno, ma c'è ancora una debole speranza.

“Ma deve essere rinnovato ogni anno, il che significa infinite e noiose pratiche burocratiche.

“Dopotutto è molto difficile ottenerne uno perché le autorità italiane sono molto selettive nei confronti dei richiedenti e favoriscono quelli con un reddito passivo elevato, cosa che non è stata la mia situazione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *