Sei scenari per la fine dell’invasione israeliana di Gaza

Il colonnello Roy Levy, uno dei comandanti di unità più rispettati dell’IDF, è stato ucciso in battaglia con i terroristi di Hamas, segno che il gruppo ha migliorato l’addestramento e le tattiche.

In altre parole, Israele non ha mai affrontato prima un test militare come questo.

Se l’offensiva dovesse vacillare e un gran numero di soldati israeliani cominciassero a tornare dalle loro famiglie nei sacchi per cadaveri, Netanyahu potrebbe dover cedere alle pressioni per limitare la portata dell’offensiva di terra, o annullarla, e poi impegnarsi pienamente nei negoziati sugli ostaggi.

Attualmente ci sono almeno 200 ostaggi israeliani all’interno di Gaza e sono già in corso colloqui segreti con l’obiettivo di salvare alcune donne e bambini. Qatar, Turchia ed Egitto stanno mediando in questi colloqui, ma sembra che finora siano stati fatti pochi progressi.

Sembra che la priorità sia scambiare donne e bambini a Gaza con i loro colleghi palestinesi nelle carceri di sicurezza israeliane.

Ma l’accordo più ambizioso comporterebbe lo scambio di tutti i 200 israeliani detenuti a Gaza con circa 5.000 prigionieri di sicurezza palestinesi detenuti in Israele. Alcuni funzionari di Hamas sostengono che questo fosse l’obiettivo finale del massacro del 7 ottobre.

Nel famoso scambio di prigionieri di Shalit del 2011, un soldato israeliano, Gilad Shalit, fu scambiato con circa un migliaio di prigionieri.

Gershon Baskin, uno dei principali negoziatori di ostaggi coinvolti nello scambio di Shalit, ha suggerito che potrebbe esserci un’alternativa all’invasione di terra.

READ  Eric Trump ha deriso la reazione della "faccia rossa" al riferimento di Biden alla storica "lega dei negri"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *