Robert Marandi porta in Italia il tradizionale pane di segale estone

Robert Marandi vendette con successo pane di segale estone nel suo panificio a Firenze, in Italia, alla gente del posto che finì per amarlo; Alina Berguc ha incontrato Marandi per saperne di più sulla sua carriera in Italia e su Wild Buns Bakery.

Un'intervista più lunga e altre foto possono essere trovate su Il sito di Alina Berguk.

Da quanto tempo vivi all'estero?

Vivo a Firenze, in Italia, da più di otto anni – forse troppo (ride). Ma ora la mia attività è cresciuta ben oltre le mie aspettative rispetto a quattro anni fa, quando ho iniziato tutto come una panetteria temporanea a Firenze, una panetteria temporanea scandinava. Così ho setacciato i migliori caffè di Firenze con i prodotti che ora vendo qui.

Come sei finito in Italia?

È stata una decisione casuale, anche la scelta di Firenze. Ero in viaggio in Italia. Ma sì, è stato del tutto casuale. Volevo solo venire in Italia e fare un breve viaggio. Venezia, Firenze e Roma sembrano essere i posti giusti.

Molte persone sentono, quando vengono qui – studiando qui o semplicemente di passaggio – che Firenze è il posto dove iniziare tutto. Penso che sia della dimensione giusta, con il fiume e il lato della città. Ha la sua magia.

Come hai deciso di aprire la tua panetteria in Italia?

Nell'ottobre 2018 ho iniziato a lavorare come panetteria temporanea. Nel settembre 2022 è stato ufficialmente inaugurato.

È iniziato a casa, con gli amici, ed è cresciuto lentamente attraverso i social media. Ho aperto la mia pagina e le persone hanno iniziato a postare e chiedere. Ho cucinato mentre vivevo con altre quattro persone. Mi svegliavo alle 3 o alle 4 del mattino mentre loro dormivano, preparavo tutto e consegnavo. La Wild Buns Bakery è nata così, a casa, per gli amici e per me.

READ  Globe lancia il servizio di roaming 5G in Italia e in altre località del Nord America
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia | © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia | © Alina Berguk

Cosa pensano gli italiani della cannella?

Quando ho iniziato avevo molta paura perché agli italiani la cannella non piace tanto quanto in Estonia, Scandinavia e nei paesi nordici. Di solito non sanno cosa sia il cardamomo e i nostri ingredienti principali sono la cannella e il cardamomo. Quindi ero un po' preoccupato, soprattutto perché all'inizio si trattava soprattutto di clienti stranieri. Ma ora, dopo tutti questi anni, ci sono clienti italiani, dai bambini agli adulti, dai 60 ai 75 anni, che vengono e adorano il posto.

È iniziato più per gli stranieri a cui mancava la loro patria, ma ora gli italiani hanno abbracciato Wild Buns Bakery. Anche le persone che vivono qui si divertono. Ho creato questo posto non solo per viaggiatori e turisti, ma anche per gli italiani, perché sanno cos'è un panino alla cannella svedese. Attualmente ci sono molti clienti abituali italiani.

In che modo l'apertura di questa panetteria scandinava ti ha aiutato a integrarti nella città e a costruire rapporti con la gente del posto?

Essendo una persona socievole, non ho mai avuto problemi a parlare e interagire con le persone. Ma ovviamente mi ha aiutato a integrarmi. È diventato un negozio e un marchio molto famoso a Firenze. Ha mostrato ai giovani italiani che qualsiasi straniero, qualsiasi ragazzo estone, può venire qui e avviare un’impresa. Sono orgogliosi.

I miei clienti italiani sono orgogliosi di me e di questo sono molto grato. All’inizio mi hanno supportato molto, mi hanno aiutato tantissimo. Ad esempio, ho preparato lotti con un piccolo frullatore, come un KitchenAid. Quindi stavo lottando e i miei clienti mi aiutavano. Ha dimostrato un grande amore da parte degli italiani e molti dei miei clienti mi hanno supportato moltissimo.

READ  Yellen si prepara a boicottare il G-20 a causa dell'invasione
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia | © Alina Berguk
Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia | © Alina Berguk

Hai qualcosa dall'Estonia nel tuo menu?

sì, certamente. Ho del pane integrale e la farina viene dall'Estonia. Il lievito viene da mia nonna. Ci sono clienti che vengono ogni settimana perché noi facciamo il pane di segale una volta alla settimana. Sono venuti per quello, e anche per quello c'è molta curiosità. Gli italiani vogliono provarlo, e questa è la cosa più bella. Molti italiani preferiscono il pane tradizionale italiano, ma una volta conosciuto lo apprezzano davvero, soprattutto la nuova generazione ha una mentalità più aperta e vuole provare cose diverse.

Cosa ti ha spinto a iniziare a fare il pane?

Tutto è iniziato con mia nonna. Da lei ho imparato a cucinare, cuocere al forno e tutto ciò che riguarda il cibo. Era un'ottima fornaia nella sua piccola città e ho iniziato a cucinare con lei quando avevo dieci anni. Mi sono appassionato e ho iniziato a cucinare da solo. Veniva ad assaggiare quello che stavo preparando e mi sentivo meglio. Quindi ce n'è molto. È molto importante per il mio hobby, soprattutto la pasticceria.

Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia | © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia | © Alina Berguk

Gli estoni visitano spesso la tua panetteria?

Sì, qui a Firenze ci sono un buon numero di estoni. La comunità è composta principalmente da donne che sono venute qui per trovare l'amore italiano (ride). A volte ci aiutiamo a vicenda – Come cittadini estoni, restiamo sempre uniti perché siamo una piccola nazione. Ci sono anche giovani che studiano moda o economia, quindi ho alcuni amici estoni qui. Spesso vengono a prendere il pane di segale quando ne sentono la mancanza.

Come descriveresti l'Estonia agli altri e cosa desideri per l'Estonia nei prossimi 100 anni?

READ  Il ministro della Salute egiziano discute di cooperazione bilaterale con una delegazione italiana

Descriverei l’Estonia come un paese con ottimo cibo. La cultura del ristorante si è evoluta negli ultimi cinque anni e non vedo l'ora di tornare e mangiare in tutti i miei ristoranti preferiti.

È molto digitale e le nuove regioni moderne sono cresciute in Scandinavia. Ne sono molto felice. Auguro all’Estonia tanto successo, indipendenza e felicità. Spero che le persone siano felici, vivano la propria vita, accettino gli altri e aiutino se stessi e gli altri. La felicità è la chiave.

Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Panetteria Wild Cakes a Firenze, Italia | © Alina Berguk

Quali sono i tuoi ristoranti preferiti in Estonia?

Controvento (ristorante italiano a Tallinn – Redazione) è uno dei miei ristoranti preferiti, non solo per il cibo ma anche per le persone. Adoro le persone lì. Hanno partecipato anche alla cerimonia di apertura qui a Firenze.

Adoro anche il ristorante indiano Elephant, è fantastico. Anche il Bistro Lore (un bistrot a Tallinn – ndr) è fantastico e ci sono tanti posti che vorrei provare. Non riesco nemmeno ad assimilare tutto. Ma sicuramente andavo al ristorante indiano Elevant nel centro storico di Tallinn almeno due o tre volte a settimana quando vivevo in Estonia.

Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia |  © Alina Berguk
Robert Marandi nella sua pasticceria Wild Buns a Firenze, Italia | © Alina Berguk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *