Recensione della Porsche 911 Dakar (2024).

In termini di velocità massima, bisognerebbe tornare indietro di 41 anni fino a una SC da 3,0 litri del 1983 per scoprire una 911 con una velocità massima inferiore a quella della Dakar.

Ma l'accelerazione? Questa è una questione diversa. Abbiamo testato l'auto in una giornata fredda, quasi gelida, quando il potenziale di trazione dei suoi pneumatici fuoristrada era fortemente limitato sull'asfalto bagnato di Millbrook, ma con la funzione di controllo del lancio attivata, la Dakar è comunque passata da 0 a 60 mph in appena 3,3 secondi ed esplose, raggiungendo la tripla cifra dopo soli 7,6 secondi.

Ciò la rende più veloce di una Carrera S che abbiamo testato in condizioni più favorevoli nel 2019, e persino della R35 Nissan GT-R recentemente richiamata.

Si deve presumere che con pneumatici estivi ad alte prestazioni montati e in condizioni più calde, la Dakar si avvicinerà a 0-60 mph in 3,0 secondi – l’attuale limite delle prestazioni di una vera supercar. Quindi non lasciatevi ingannare dall'aspetto da cartone animato: questa è una 911 davvero veloce.

Per coloro che vogliono dedicarsi ad attività di competizione occasionali, o che vogliono semplicemente divertirsi un po' in fuoristrada, la Dakar dispone anche di una modalità Rally Launch Control specifica per superfici instabili, che consente lo slittamento delle ruote fino al 20%.

Per quanto riguarda il carattere, la Dakar si avvicina molto alla Carrera 4 GTS su cui si basa. C'è un tocco più tozzo durante l'accelerazione iniziale e un tuffo in caso di frenata brusca, ma non così tanto come ci si potrebbe aspettare in entrambi i casi, e la velocità con cui il cambio PDK a otto velocità cambia marcia è più impressionante che mai.

READ  Ci sarà un Nintendo Direct di giugno 2023?

L'efficacia di questa unità biturbo, la cui spinta afferra il telaio e lo spinge in avanti all'inizio della gamma di regimi, è accompagnata da un ululato sorprendentemente emozionante. È un ottimo abbinamento per la Dakar, con un'ampia gamma di coppia e potenza che ripaga i dividendi fuoristrada, dove l'assetto dell'auto può essere regolato a piacimento.

Infine, una parola sulle prestazioni di frenata. Siamo riusciti a trovare un'area asciutta della superficie per effettuare le prove di frenata e, come previsto, gli pneumatici fuoristrada della Dakar hanno ostacolato questo compito. La nostra macchina ha impiegato 45,1 metri per raggiungere i 70 mph. In confronto, la Carrera S ha percorso 39,8 metri, mentre la Turbo S (in una giornata estiva) ha raggiunto solo 38,3 metri.

Sulla strada, è utile essere consapevoli dei limiti della Dakar a questo riguardo, e difficilmente li dimenticherai poiché la risposta iniziale del pedale sembra un po' mistica. Si noti inoltre che la Dakar viene fornita con dischi in ghisa specifici del modello perché i sostituti in carbonio-ceramica della Porsche non si adattano alle ruote.

Note fuoristrada

Indaga sui forum online e vedrai i proprietari di Dakar portare le loro auto lungo sentieri impegnativi che di solito forniscono un allenamento leggero per qualcosa come una Jeep Wrangler.

Gli pneumatici fuoristrada della Dakar, l'altezza da terra in stile Cayenne (quando i montanti delle sospensioni sono estesi) e lo sbalzo anteriore più corto di 16 mm rispetto alla normale 911 non sono chiaramente solo per spettacolo, e sebbene la parte inferiore non sia completamente ricoperta di pannelli, esiste un livello di protezione abbastanza completo che si estende anche ai singoli collegamenti delle sospensioni. I radiatori anteriori sono inoltre dotati di specifica protezione antipietrisco.

READ  L'Apple Studio Display fa un ottimo lavoro di ingegneria eccessiva

La nostra auto di prova ha avuto successo sulla strada che circonda la pista fuoristrada di Millbrook. L'articolazione delle ruote consentiva di mantenere velocità ragionevoli su terreni accidentati senza timore di danneggiare la parte inferiore del corpo.

Ciò che è più notevole è la natura dello sterzo, che è preciso su strada ma non ha il nervosismo che si dimena quando il gioco si fa duro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *