Putin osserva i disordini rurali mentre migliaia di persone si scontrano con la polizia in una rara protesta in Russia – POLITICO

Migliaia di manifestanti hanno manifestato mercoledì nella Russia centro-meridionale dopo che un tribunale ha condannato Vaile Alsenov, un attivista per i diritti degli indigeni del gruppo etnico locale Bashkir, a quattro anni di prigione in una colonia penale per incitamento all'odio etnico.

La manifestazione si è svolta davanti al tribunale di Baymak, una cittadina di 17.000 abitanti situata a circa 2.000 chilometri da Mosca vicino al confine kazako, nonostante gli avvertimenti della polizia di arresti e il divieto di raduni non autorizzati nelle strade.

Decine furono arrestati Mentre le forze di sicurezza hanno sparato gas lacrimogeni Picchiare i manifestanti con manganelliSecondo quanto riportato dai media locali.

La protesta di Baymak, che arriva due mesi prima delle elezioni russe che il presidente Vladimir Putin vincerà sicuramente, è motivo di imbarazzo per il Cremlino. Mosca ha trattato duramente l’opposizione da quando ha lanciato la sua massiccia invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022, arrestando migliaia di persone.

Alsenov, 37 anni, ha guadagnato notorietà per la sua campagna di successo del 2020 contro l’estrazione del calcare a Kushtau, un massiccio sacro per la gente del posto nella Repubblica del Bashkortostan. Dopo intense proteste contro il progetto minerario, il governatore Radi Khabirov, ex funzionario del Cremlino, ha vietato l'estrazione di calcare nella zona e ha dichiarato Kushtau un'area naturale protetta.

Ma l’anno scorso Alsenov è stato incarcerato dopo aver parlato a una manifestazione per protestare contro l’estrazione illegale dell’oro. Parlando alla folla in Bashkir, si è lamentato del fatto che mentre i Bashkir combattono in Ucraina, le loro terre in Bashkortostan vengono sequestrate. Ha usato il termine Kara Halleckche in Bashkir significa “gente comune”, ma in russo si traduce come “neri”.

READ  L'Ucraina afferma che le radiazioni di Chernobyl "oltre i livelli di controllo" in più aree catturate dalla Russia

“Gli armeni andranno in patria, Kara Halleck In patria, i russi a Ryazan, i tartari in Tatarstan. Non potremo spostarci, non abbiamo altra casa, la nostra casa è qui! Il sinov è Ho menzionato, ha detto.

Successivamente, Khabirov ha presentato una denuncia al procuratore regionale, che ha poi accusato Alsenov di aver insultato i lavoratori del Caucaso e dell'Asia centrale. L'attivista ha negato l'accusa, sostenendo che le sue parole erano state tradotte in modo errato dalla lingua baschira. Ha detto che intende ricorrere in appello contro la sentenza, affermando: “Ho sempre lottato per la giustizia, per il mio popolo, per la mia repubblica”.

Gli attivisti locali vedono la condanna di Alsenov come una vendetta contro Khabirov per la sua precedente campagna. Khabirov, ex potente funzionario del Cremlino, ha lavorato in precedenza per Putin come vice capo della politica interna nell'ufficio presidenziale.

In attesa della sentenza del tribunale, la polizia ha chiuso preventivamente le strade che portano a Baymak. Gli utenti di WhatsApp nella Repubblica avrebbero avuto difficoltà ad accedere all'applicazione, secondo il sito web di monitoraggio dell'interruzione del servizio rivelatore, Ciò porta a ipotizzare che le autorità siano state disturbate dalle proteste, che sono viste anche come una sfida alla presa di Khabirov sul Bashkortostan.

Sei manifestanti rischiano ora fino a 15 anni di carcere, dopo che le autorità hanno aperto un procedimento penale con l'accusa di “disordini di massa” a Baymak. Il numero di arresti riportati dai media russi indipendenti varia.

“Queste proteste rappresentano un grave fallimento per il sovrano e pongono un enorme problema”, ha affermato Abbas Galliamov, ex funzionario dell’amministrazione del Bashkortostan e ora politologo.

READ  Trump dice che “incoraggerà” la Russia ad attaccare gli alleati della NATO che non pagano i conti

“Da quando Putin ha annunciato la sua candidatura per la rielezione, il Cremlino ha dovuto affrontare molteplici sfide, tra cui l'inflazione, l'attentato a Belgorod, diffuse interruzioni di corrente dovute a incidenti alle caldaie e ora manifestazioni in Bashkortostan”, ha aggiunto.

Sergey Goryashko è stato ospitato a POLITICO nell'ambito del programma di residenza EU4FreeMedia finanziato dall'Unione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *