Più di 36.000 persone sono state sfollate a causa delle inondazioni in Italia – nel mondo

Più di 36.000 persone sono state ora costrette a lasciare le loro case a causa di inondazioni mortali nell’Italia nord-orientale, hanno detto sabato i funzionari regionali, poiché l’innalzamento delle acque ha inghiottito più case e le frane hanno tagliato fuori piccoli villaggi.

Le forti piogge all’inizio di questa settimana hanno ucciso 14 persone e trasformato le strade di città e paesi della regione Emilia-Romagna in fiumi.

Con l’aumento della pioggia, le autorità regionali hanno esteso l’allerta meteo rossa fino a domenica.

Sabato il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, ha dichiarato che lascerà presto il vertice del G7 in Giappone per affrontare l’emergenza.

“Onestamente non posso stare lontana dall’Italia in un momento così complicato”, ha detto ai giornalisti, e ha ringraziato le 5.000 persone – dai soccorritori ai volontari – che si sono mobilitate per aiutare le persone colpite dalle alluvioni.

Ha anche ringraziato i suoi colleghi leader del G7 per le loro offerte di assistenza.

Meloni dovrebbe visitare domenica alcune delle zone più colpite.

Sabato le autorità ravennate hanno disposto l’immediato sgombero di altri piccoli centri a rischio.

Un elicottero coinvolto nel tentativo di ripristinare la corrente si è schiantato sabato vicino a Lugo, ferendo una delle quattro persone a bordo, hanno detto i vigili del fuoco.

Una quantità di pioggia di sei mesi è caduta in 36 ore nella regione Emilia-Romagna e le inondazioni sono state descritte come le peggiori che il paese avesse visto in un secolo.

Le inondazioni hanno provocato più di 305 frane e danneggiato o chiuso più di 500 strade nella regione.

“L’acqua ha iniziato a salire alle 14:00 (venerdì) proveniente dai campi”, ha detto all’AFP l’elettricista Mauro Ludola, dopo che i canali vicini sono stati riempiti con l’acqua del fiume.

READ  Allianz ha collaborato con il Global Marine Conservation Group

“È dura. Voglio che finisca in fretta, per poterci fare avanti… per rialzarci”, ha detto il 54enne, in piedi nelle acque sporche che circondano la sua casa.

Ludola soffocò mentre esaminava la sua casa distrutta, l’acqua schizzava intorno al frigorifero in cucina e sul materasso del suo letto ammucchiato di mobili di recupero.

Fuori, una porta bianca era appollaiata davanti a un capannone, davanti al quale i polli che erano stati trasferiti al sicuro battevano nervosamente.

Il sindaco di Bologna Matteo Libor ha dichiarato sabato che la riparazione di strade e infrastrutture richiederà “mesi, e in alcuni punti forse anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *