Netanyahu ostacola l’accordo di tregua: un alto funzionario di Hamas

Hossam Badran, membro dell'ufficio politico del movimento di resistenza palestinese Hamas

Un alto funzionario di Hamas ha affermato che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sta ostacolando l’accordo di tregua tra il movimento di resistenza nella Striscia di Gaza e il regime di Tel Aviv, che ha gettato i territori palestinesi in una guerra genocida.

Hossam Badran, membro dell’ufficio politico di Hamas, ha detto venerdì al telefono all’AFP: “Netanyahu è stato l’ostruzionista in tutti i precedenti round di dialogo… ed è chiaro che lo è ancora”.

Berdan ha sottolineato che l'insistenza del Primo Ministro israeliano nell'effettuare un'invasione di terra contro la città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, è il principale ostacolo nei negoziati volti a raggiungere un possibile accordo.

Circa 1,5 milioni di palestinesi si sono rifugiati nella città per sfuggire al flagello della guerra, che finora ha causato la morte di almeno 34.622 palestinesi.

Badran ha affermato che la determinazione di Netanyahu ad attaccare Rafah mira a “contrastare ogni possibilità di raggiungere un accordo”.

Il funzionario israeliano ha detto che il regime andrà avanti con l’invasione della città “con o senza” un accordo di tregua.

Netanyahu ha dichiarato alla fine del mese scorso: “Entreremo a Rafah ed elimineremo lì le brigate di Hamas – con o senza un accordo, per ottenere la vittoria completa”.

Ma Hamas sostiene che il regime non arriverà al punto di sconfiggere la resistenza, come ha fatto finora durante la guerra.

Il regime non è riuscito a raggiungere i suoi altri obiettivi, tra cui lo sfollamento dell’intera popolazione di Gaza nel vicino Egitto e il rilascio delle persone catturate nell’operazione Al-Aqsa Storm portata avanti dai gruppi di resistenza a Gaza, dopo la quale Tel Aviv ha lanciato la guerra.

READ  La Russia espande la zona di evacuazione nella regione di Kherson, in Ucraina


Il sito web di Press TV è raggiungibile anche ai seguenti indirizzi alternativi:

www.presstv.co.uk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *