Museo degli eroi del ciclismo in Italia

Il ciclismo e il ciclismo sono attività molto diffuse in Italia, quindi forse non sorprende apprendere che il paese ha uno dei musei del ciclismo più grandi d’Europa.

Il Museo degli Eroi, situato nella cittadina di Novi Ligure in provincia di Alessandria, nel nord Italia, celebra tutto ciò che riguarda il ciclismo.

Si ripercorre la storia della bicicletta dal primo prototipo ideato da Leonardo da Vinci fino agli ultimi modelli, ma gli appassionati di ciclismo potranno conoscere anche la cultura ciclistica italiana e i suoi tanti eroi del ciclismo.

Il museo è ispirato agli eroi Fausto Coppi e Costante Girardengo, originari di Novi Ligure.

Coppi dominò il ciclismo internazionale negli anni del secondo dopoguerra. Era un vero tuttofare ed eccelleva in tutti gli aspetti del ciclismo.

Coppi è venerato in Italia e viene spesso definito Campionissimo (Campione dei Campioni). Fu campione del mondo nel 1953, vincendo cinque volte il Giro d’Italia e due volte il Tour de France.

Ha vinto anche cinque volte il Giro di Lombardia e tre volte la Milano-Sanremo, oltre a classiche come la Parigi-Roubaix, La Fleche e la Vallonia.

Anche la carriera di Gerardengo è stata impressionante. Dominò le corse in Italia dal 1912 al 1936, vincendo due volte il Giro d’Italia, sei volte la Milano-San Remo e tre volte il Giro di Lombardia, e sebbene la prima guerra mondiale lo derubò di alcuni dei suoi anni migliori, era ancora al primo posto nel mondo nel 1919, 1922, 1923, 1925 e 1926.

Il museo è situato in un grande edificio industriale a ridosso del centro cittadino e presenta un “percorso” centrale che divide gli spazi espositivi. La pista rappresenta l’evoluzione della pavimentazione dalle strade in terra battuta a quelle sterrate, all’asfalto e ai moderni materiali della pista.

READ  Maserati Levante Modena: passione per le prestazioni | Tempi dell'Oman

Oltre alle mostre permanenti, il museo comprende anche diverse mostre a breve termine.

Riflessioni su Moser

Francesco Moser è un altro famoso ciclista italiano premiato al museo.

Moser è stato dominante dalla metà degli anni ’70 all’inizio degli anni ’80. A differenza di Coppi e Girardengo, non fu un grande scalatore ma la sua forza pura gli procurò molti estimatori.

Ha ottenuto 273 vittorie su strada, inclusa la leggendaria Parigi-Roubaix per tre volte. Ma Moser era anche un ciclista esperto.

Nel 1984, stabilì il record dell’ora di 51,151 km/h in quota a Città del Messico utilizzando ruote a disco e una nuova e rivoluzionaria bicicletta da cronometro.

La famiglia Moser possiede un’azienda vinicola a Trento, a circa 300 chilometri da Novi Ligure. All’interno della cantina è presente un piccolo museo che celebra le imprese ciclistiche di Moser. Sono esposte molte delle sue vecchie maglie, biciclette e trofei, tra cui il famoso trofeo della Parigi-Roubaix in ciottoli e la bicicletta con cui stabilì il record dell’ora nel 1984.

Fascicolo della verità

+ Il Museo degli Eroi si trova nel piccolo comune di Novi Ligure, a circa 60 km a nord di Genova e 90 km a sud di Milano. museodeicampionissimi.it

+ L’azienda vinicola Moser si trova a Trento, a circa 225 km a nord-est di Milano. mosertrento.com/it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *