Ministro: l’Italia preme sul Fondo monetario internazionale per aiutare la Tunisia ed evitare l’instabilità

  • L’Italia teme un crescente afflusso di immigrati dalla Tunisia
  • Roma afferma che il prestito del FMI è necessario per aiutare a stabilizzare la Tunisia
  • La maggior parte degli africani subsahariani sta fuggendo dalla Tunisia in questo momento

ROMA (Reuters) – L’Italia vuole che il Fondo monetario internazionale apra un prestito di 1,9 miliardi di dollari per la Tunisia, temendo che senza liquidità il Paese vada in subbuglio, scatenando una nuova ondata di migranti verso l’Europa. Tajani ha detto.

I colloqui di salvataggio della Tunisia con il Fondo monetario internazionale sono in stallo da mesi, con gli Stati Uniti, tra gli altri paesi, che chiedono al presidente Kais Saied riforme di vasta portata per liberare fondi.

Gli sforzi per ottenere un salvataggio sono stati ostacolati dai disordini politici in Tunisia dal luglio 2021, quando Saied ha preso la maggior parte dei poteri, ha chiuso il parlamento ed è passato a governare per decreto.

Saied non ha mai sostenuto pubblicamente un accordo con il FMI, lasciando i donatori preoccupati che potesse eventualmente annullare le riforme dopo l’arrivo del denaro o biasimarli per il conseguente dolore economico.

Tuttavia, Tajani ha parlato con l’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva e l’ha esortata a mostrare flessibilità per evitare un potenziale tracollo finanziario.

“Ho ribadito la necessità che il fondo intervenga rapidamente a favore della stabilità e della crescita della Tunisia con un sostegno economico e finanziario”, ha detto Tajani a Reuters.

Il ministro ha parlato del problema con il segretario di Stato americano Antony Blinken e ha sollevato la questione con i suoi omologhi in Slovenia e Croazia venerdì in vista della prossima riunione dei ministri degli Esteri dell’UE.

READ  Hitachi Railways si è aggiudicata un contratto del valore di 867 milioni di euro per la fornitura di digital signage in Italia

Il primo ministro Giorgia Meloni sta “lavorando sui telefoni”, ha detto uno dei funzionari, avvertendo che l’Italia dovrà affrontare una “invasione di migranti” nei prossimi mesi se la Tunisia non ottiene i soldi.

L’Italia ha accolto finora un record di 20.046 migranti su barche nel 2023, mettendo il Paese sulla buona strada per battere il record di arrivi nel 2016, quando 181.436 persone sono approdate su una flotta di barche fragili.

Secondo dati non ufficiali delle Nazioni Unite, 12.000 di coloro che sono arrivati ​​in Italia quest’anno sono salpati dalla Tunisia, rispetto ai 1.300 nello stesso periodo del 2022, un’inversione del modello precedente in cui la Libia era il principale punto di partenza dei migranti.

“La migrazione irregolare e incontrollata può essere ridotta solo migliorando le condizioni di sicurezza e stabilità economica”, ha detto Tajani, aggiungendo che l’Italia è impaziente di promuovere opportunità di formazione per i tunisini come alternativa all’immigrazione.

“spento”

Tuttavia, un funzionario del governo a Roma ha affermato che la situazione è complessa, riconoscendo che la maggior parte di coloro che hanno lasciato la Tunisia quest’anno erano africani sub-sahariani che hanno deciso di dirigersi verso l’Europa a seguito di un giro di vite contro gli stranieri.

Il mese scorso, Saied ha dichiarato in commenti ampiamente criticati dai gruppi per i diritti e dall’Unione africana che la migrazione senza documenti verso l’Africa sub-sahariana era un complotto volto a cambiare la demografia della Tunisia. Ha ordinato alle forze di sicurezza di espellere qualsiasi immigrato che vive in Tunisia illegalmente.

Ciò stava costringendo le persone a fuggire dal paese, ha affermato un alto funzionario delle Nazioni Unite, anche se in precedenza non avevano alcuna intenzione di effettuare la pericolosa traversata verso l’Europa.

READ  Iveco afferma che i problemi di fornitura hanno raggiunto il picco poiché l'utile operativo è salito alle stime superiori nel primo trimestre

Tra gli arrivi quest’anno in Italia c’è la Costa d’Avorio (3.223), seguita dalla Guinea (2.906). Il funzionario delle Nazioni Unite ha detto che sono partiti in gran parte dalla Tunisia. In confronto, quest’anno sono arrivati ​​finora in Italia 1.535 tunisini.

“La stabilità e la prosperità della Tunisia, nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, sono cruciali per la stabilità dell’intera regione mediterranea”, ha affermato Tajani.

La Meloni si è insediata a ottobre promettendo di ridurre i flussi di immigrazione clandestina, ma da allora i numeri sono solo aumentati.

La questione è diventata ancora più delicata dopo che almeno 86 migranti sono annegati in un naufragio al largo delle coste dell’Italia meridionale alla fine del mese scorso, suscitando accuse secondo cui non sono stati fatti sforzi sufficienti per salvarli – un’accusa che il governo ha negato.

(Segnalazione di Crispian Palmer)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *