Mike Pence sospende la campagna presidenziale del 2024

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Mike Pence si è ritirato dalla corsa per le elezioni presidenziali americane del 2024 mentre l’ex vicepresidente fatica a raccogliere consensi e ad aumentare i suoi deboli numeri nei sondaggi.

In un annuncio a sorpresa durante un discorso ad un evento della Coalizione Ebraica Repubblicana sabato, Pence ha detto di aver deciso di sospendere la sua campagna “con effetto retroattivo oggi”.

“Mentre ho viaggiato attraverso il paese negli ultimi sei mesi, sono venuto qui per dire che mi è diventato chiaro che questo non è il mio momento”, ha detto.

Pence ha detto di aver deciso di candidarsi alla presidenza “perché penso che questo Paese abbia molti problemi”. “Abbiamo sempre saputo che sarebbe stata una battaglia in salita, ma non ho rimpianti”, ha aggiunto.

La candidatura dell’ex vicepresidente non è riuscita a decollare quest’anno, con la recente media nazionale dei sondaggi di Fivehirtyeight che lo mostra con solo il 3,8% di sostegno nella corsa alle primarie del GOP.

Secondo la Commissione elettorale federale, la campagna di Pence ha raccolto meno di 5 milioni di dollari tra luglio e settembre, collocandolo in fondo alla lista dei contendenti.

Il ritiro di Pence potrebbe segnare l’inizio di una selezione dei contendenti, con diversi candidati ancora alle spalle di Donald Trump, il favorito con oltre il 50% di sostegno, e Ron DeSantis, il governatore della Florida, che è al secondo posto con il 14%. . . .

Art Pope, uno dei principali donatori di Pence, ha dichiarato sabato al Financial Times che la decisione dell’ex vicepresidente aiuterebbe a consolidare il campo in uno sfidante repubblicano a Trump.

READ  Gli Stati Uniti non dicono "un grosso problema", Biden cambia il suo approccio alla Corea del Nord Notizie sulle armi nucleari

“Sono deluso dal fatto che si sia ritirato perché pensavo che avesse le migliori qualifiche in base ai suoi valori, alla sua esperienza e alla sua posizione sulle questioni per essere il candidato repubblicano”, ha detto Pope.

“Ma dato che non c’era una strada probabile per ottenere la nomination, e poi la presidenza, ho pensato che sarebbe stato meglio per lui ritirarsi adesso piuttosto che più tardi”.

“Credo che man mano che il campo si restringe, ci sarà un concorrente che, in uno scontro testa a testa con Donald Trump, riceverà la maggioranza dei delegati per la nomina repubblicana”, ha aggiunto Pope.

Trump e Pence erano profondamente divisi dopo che l’ex vicepresidente si era rifiutato di cedere alle richieste di Trump di bloccare la certificazione della vittoria del collegio elettorale di Joe Biden nel 2020. I sostenitori di Trump hanno preso di mira Pence con questa decisione durante l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Pence e Trump si sono scontrati anche durante le loro campagne presidenziali, con l’ex presidente che deve affrontare quattro serie separate di accuse penali, comprese le accuse che lo accusavano di aver cercato di ribaltare le elezioni del 2020. Trump si è dichiarato non colpevole in tutti i casi, che ha descritto come motivati ​​politicamente.

Il vicepresidente ha affermato che Trump gli ha chiesto di “metterlo al di sopra della Costituzione” dopo le elezioni del 2020 e che “chiunque si metta al di sopra della Costituzione non dovrebbe mai diventare presidente degli Stati Uniti”.

Trump ha detto all’inizio di quest’anno che Pence era “delirante” ed era passato “al lato oscuro”.

READ  Due britannici muoiono in Spagna dopo essere volati via da una moto prima di essere investiti da un camion - World News

Chris Christie, l’ex governatore del New Jersey che partecipa anche alle primarie repubblicane, aveva precedentemente affermato su Twitter che Pence “merita i nostri ringraziamenti…. . . “Per aver messo sotto pressione personale e politica il suo giuramento costituzionale e la Costituzione degli Stati Uniti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *