May Martin è finalmente soddisfatto

Mai Martin si muove. No, non in senso emotivo (anche se il finale di Feel Good su Netflix potrebbe farti sentire soffocato), ma cambia letteralmente paese. Avendo “vissuto in tutta Londra” per oltre un decennio, il comico inglese si sta trasferendo a Los Angeles, dopo essersi sentito “svincolato” dal saltare in diversi Airbnb in giro per la città.

È un luminoso pomeriggio a Los Angeles e lo scrittore, guardando il sole in arrivo, ammette di “sentirsi bene”. Sono successe molte cose a Mae Martin: c’è una nuova produzione Netflix senza titolo in lavorazione, hanno continuato a ricordare il miglior pasto che abbiano mai avuto e presto, la loro ultima raccolta di cabaret, Mae Martin: SAP, successi Netflix 28 marzo.

“I soprannomi sono davvero difficili! Non so se questo è il titolo corretto per lo spettacolo, ma mi piace molto il concetto e quel proverbio alla fine dello spettacolo. Ho adorato il fatto che sia sinonimo di debole vulnerabilità, di cui penso che tutti abbiamo bisogno per abbracciare chi siamo piccoli vermi “, ridono di Zoom. La fine di SAP o arriva o no. Come si conclude il nuovo speciale comico .” Ho fatto così tanto questo spettacolo che mi piace e mi piace la reazione. E onestamente, ho amato la parola tanto quanto il suono della parola SAP.

Ora, spostando la loro commedia da una parte all’altra del mondo, l’attore ha poco interesse ad adattarsi allo “shock culturale”. Invece, l’ultimo progetto di Martin si concentra su qualcosa di più del semplice spostamento di luoghi; Si concentra sulla trasformazione personale. Il cambiamento, per chiunque, è una prospettiva spaventosa. In SAP, tuttavia, è il legame di Martin con il loro passato, la loro duratura comprensione dell’identità e un determinato desiderio di essere ottimisti che rende la loro narrazione così avvincente.

READ  Notizie sui ristoranti di Las Vegas: Summit Tour in arrivo, introdotto un nuovo brunch

Quindi, con SAP che arriva sui nostri schermi, GAY TIMES si è seduto con il comico per discutere i loro prossimi passi, la ristrutturazione della pubertà e la paura di essere chiamato fuori.

La sequenza iniziale di SAP ti vede gettare i telefoni nel fuoco: questo doveva essere piacevole…

Volevo un tipo intimo di narrazione sotto forma di un falò. È una fantasia gettare il tuo smartphone in un fuoco scoppiettante: è stato così bello. Spero che inconsciamente ricordi al pubblico (o a chiunque guardi a casa) di mettere via i telefoni e concentrarsi. Sono costantemente multitasking come se potessi fare solo una cosa. Se sto guardando qualcosa, sono sul mio telefono. Se sono sotto la doccia, gioco anche a Scarabeo online o ascolto un audiolibro. Ogni minuto della mia giornata mi sento come se dovessi fare quattro cose contemporaneamente. Voglio davvero smettere di essere così. In questo momento, voglio essere nella natura e voglio essere presente. Penso che ce ne rendiamo conto tutti. Lo vogliamo tutti e lo diciamo ad alta voce, ma è una battaglia in salita perché tutto è progettato per attirare la nostra attenzione.

È stata coinvolta in progetti televisivi come Feel Good e The Flight Attendant. Stare in piedi ti permette di riguadagnare il tuo senso di sé in un mezzo diverso?

Con Feel Good, l’ho scritto ed era un’autobiografia con un simile tipo di senso curato di “Questo è ciò che voglio dare al mondo”. Ma, sicuramente lavorando su progetti di altre persone, non hai lo stesso senso di controllo, che in un certo senso è liberatorio. Inoltre, sono un maniaco del controllo. Mi piace assumermi la responsabilità di ciò che ho là fuori, soprattutto di questi tempi perché nelle interviste mi viene spesso chiesto di parlare di politica dell’identità e di questioni politiche grandi e travolgenti. Non ho mai finito il liceo! Mi preoccupo costantemente di metterci piede o di dire la cosa sbagliata. So come mi sento. Ma con lo stare in piedi, posso prendermi un minuto e pensare a quello che voglio dire e avere il controllo della narrazione, piuttosto che preoccuparmi che la citazione di qualcuno su ciò che ho detto sia troppo seria.

READ  Netflix pagherà 59 milioni di dollari per risolvere la controversia fiscale italiana

C’è qualcosa in comune tra Feel Good e The Flight Attendant, con i personaggi che affrontano le proprie lotte e hanno a che fare con un senso di mistero. Anche in SAP puoi contare sul buono, sul cattivo e sul medio. Trovi utile approfittare di questi spazi creativi indefiniti?

completamente! Se sventolerò uno striscione, lascerò che le persone siano flessibili e puntuali. Viviamo in un mondo così binario in tanti modi. C’è un binario politico e ci sono tutti i tipi di binario sociale che abbiamo creato che non esistono da nessuna parte in natura. Più flessibili, complessi e imperfetti diventiamo, meglio è, credo.

Con SAP, cosa ha ispirato la direzione narrativa avanti e indietro che hai scelto di intraprendere?

All’inizio salta e poi si assesta alla fine. C’è una coerenza tematica e un tipo di narrazione frammentata, che è un po’ come mi sentivo quando lo stavo scrivendo, e quando sono uscito dalla pandemia, ho sentito che le cose non avevano senso. È la sensazione che il mondo in cui ci troviamo e i sistemi a cui partecipiamo siano logicamente privi di significato. Quindi, quella travolgente paura esistenziale di quella realizzazione e poi di nuovo all’età adulta, dove si è sviluppato il pensiero critico, e quel tipo di sensazione da adolescente in cui guardi dietro il sipario per la prima volta e vedi quanto è tutto incasinato. È un po’ come si sente la sanità mentale in un sistema un po’ pazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *