Mark Cavendish ‘entusiasmato’ per la possibilità di aumentare il numero di vittorie del Giro d’Italia

Mark Cavendish ha dichiarato di essere di umore rilassato mentre attende con impazienza le opportunità per aumentare la sua serie di 15 vittorie consecutive al Giro d’Italia nelle prossime tre settimane.

Manxman correrà l’Italian Grand Tour per la prima volta dal 2013, e solo la sesta volta in carriera, quando partirà da Budapest venerdì mattina.

La sua selezione per il Team QuickStep-AlphaVinyl ha suscitato inevitabili speculazioni sul fatto che avrebbe perso il Tour de France – avendo vinto quattro tappe e eguagliato il record di 34 tappe di Eddie Merckx la scorsa estate – ma l’attenzione di Cavendish è interamente sul Giro, che inizia con tre giorni in Ungheria .

“Sono passati nove anni dall’ultima volta che ho corso il Giro, ho vinto la maglia rossa a punti e ho vinto cinque tappe (nel 2013)”, ha detto.

“E’ una gara che ho sempre amato fare in passato. Ovviamente la dinamica (della gara) è probabilmente cambiata negli ultimi nove anni, potrebbe non essere la gara che ricordo, ma vedremo”.

Cavendish non ha mai fissato un obiettivo per la classifica a punti e ci sono poche possibilità che indossi la maglia rosa di leader della corsa per la quarta volta visto l’estenuante finale della tappa inaugurale di venerdì al Palazzo Reale di Visegrad, ma vorrebbe aggiungersi alla sua rosa. 15 fasi.

Ci sono sette opportunità di sprint riconosciute sulla strada di quest’anno, la prima delle quali è nella tappa domenicale di Balatonfured.

Cavendish sarà supportato da un team che include tra gli altri l’esperto Michael Murkoff, David Ballerini e il pilota britannico James Knox, con il loro obiettivo primario.

READ  Il Milan contatta Ancelotti per Asensio

“Ho dei grandi giocatori di fronte a me”, ha detto Cavendish di allenare la prima squadra. “Penso che questo sia il fattore più importante nella mia fiducia. So di avere uomini incredibili di cui posso fidarmi…

“Ci sono alcune opportunità che penso, quindi sono davvero eccitato”.

Cavendish è andato al Giro con tre vittorie a suo nome nel 2022, e sono stati selezionati sul suolo italiano a Milano Torino. Tutto è arrivato dopo un terribile incidente al Gent Six Day a novembre, quando ha subito un polmone perforato e si è rotto due costole.

È stata una triste fine per il sogno del 2021. Due mesi dopo aver vinto una tappa del Tour of Turkey che gli ha regalato la sua prima vittoria di qualsiasi tipo in oltre due anni, Cavendish ha approfittato della convocazione tardiva del team del Tour per scambia indietro gli anni di quattro fasi, la prima in gara dal 2016.

Ciò ha aiutato Cavendish, che compirà 37 anni durante il Giro, a ottenere un’altra estensione della carriera, ma non ha offerto garanzie che sarebbe tornato al Tour quest’anno con una possibilità per la vittoria su Merckx.

I giornalisti alla conferenza stampa pre-Giro di mercoledì sapevano più dello spettro del tour, un argomento di cui Cavendish non si preoccupa di discutere.

Nel podcast di Eurosport di questa settimana, ha espresso la sua paura di creare artificialmente una rivalità all’interno della squadra con Fabio Jacobsen, che dovrebbe guidare la squadra in Francia.

“Fabio e io ci siamo stati molto solidali l’uno con l’altro negli ultimi anni e l’ultima cosa che voglio e l’ultima cosa che vuole – la cosa che mi spaventa di tutto questo – è creare qualsiasi tipo di rivalità tra di noi”, ha detto disse.

READ  Antonio Conte esulta per il traguardo degli Spurs mentre affronta l'incertezza sul futuro

“So per esperienza cosa succede quando la stampa vuole creare concorrenza, non è bello e purtroppo inizia a creare attriti. Noi non lo siamo e non voglio esserlo”.

“Ecco perché sono riluttante a parlarne perché non voglio litigare con Rafeeq su qualcosa che sfugge al nostro controllo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.