L’italiana Cimolai considera la raccolta di capitali mentre i derivati ​​si deteriorano

MILANO (Reuters) – Il gruppo edilizio italiano Simolai ha dichiarato venerdì che sta valutando la possibilità di raccogliere capitali per far fronte a un potenziale deficit legato ai contratti derivati, aggiungendo che alcuni gruppi industriali stranieri potrebbero essere interessati a investire.

Il gruppo, i cui progetti includono lavori sugli stadi dei Mondiali di calcio in Qatar, ha affermato di aver incaricato Lazard “di esaminare l’intero portafoglio di strumenti finanziari ed eventualmente di rinegoziare o contestare tali contratti”.

Simulai, specializzato in strutture in acciaio, ha aggiunto che non è ancora possibile valutare gli impatti sul proprio bilancio. Ha aggiunto che l’entità di qualsiasi raccolta fondi sarebbe stata determinata solo una volta che Lazard avesse terminato il suo lavoro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Bloomberg ha riferito la scorsa settimana che il gruppo è stato esposto a un derivato legato all’euro-dollaro soprannominato “Treasury Receivable Redemption” (TARF) mentre cercava di isolare il rischio della sua valuta per i progetti offshore.

Cimolai, un’azienda a conduzione familiare con sede nel nord Italia, ha affermato che la sua attività regolare è stata soddisfacente e sta operando in linea con le aspettative.

“L’unico problema sono alcuni contratti derivati ​​che vengono emessi all’insaputa del presidente e degli organi societari che sollevano criticità a causa dell’improvviso calo dell’euro rispetto al dollaro”, si legge in un comunicato del gruppo.

L’azienda impiega 2.700 persone e ha registrato un fatturato di 421 milioni di euro l’anno scorso, secondo il suo sito web.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage di Elisa Anzulin Montaggio di Keith Weir

READ  Il tasso di inflazione in Italia raggiunge il 4,8%, il più alto degli ultimi 26 anni – EURACTIV.com

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.