L'Italia vieta il prestito di opere al Minneapolis Institute of Art nella disputa su una statua antica – WFTV

ROMA – (AFP) – Il Ministero della Cultura italiano ha vietato il prestito di opere al Minneapolis Institute of Arts, dopo una disputa con l'American Museum su un'antica statua di marmo che si ritiene sia stata saccheggiata dall'Italia quasi mezzo secolo fa.

La controversia è iniziata nel marzo 2022 quando un tribunale italiano ha stabilito che un museo di Minneapolis era in possesso illegale del Doriforo di Stabiae, una copia di epoca romana del Doriforo di Policleto, un'antica scultura greca.

Roma sostiene che la statua sia stata saccheggiata negli anni '70 da un sito archeologico a Stabiae, un'antica città vicino a Pompei, anch'essa ricoperta di lava e cenere durante l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Nel febbraio 2022, la procura italiana ha emesso un mandato internazionale per confiscare e restituire l'opera d'arte. In una conferenza stampa all'inizio di quest'anno, Nunzio Fragalliasso, procuratore capo del tribunale di Torre Annunziata, ha detto che “stanno ancora aspettando una risposta”.

Mercoledì un portavoce del Ministero della Cultura italiano ha confermato il divieto.

Nel 1984, mentre l'opera era esposta in un museo tedesco, l'Italia intentò una causa per reclamarla. Questa affermazione fu respinta nel 1986. L'American Museum, che acquistò la statua nel 1986 per 2,5 milioni di dollari, dichiarò che fu acquistata dal mercante d'arte Eli Borowski e importata negli Stati Uniti.

“Da quel momento, l'opera è stata esposta pubblicamente e ampiamente diffusa”, ha affermato il museo di Minneapolis in una nota. “Sebbene il Museo si opponga alle recenti notizie di stampa riguardanti la famiglia Doriforo, ritiene che i media non siano il forum appropriato per affrontare accuse infondate”.

READ  Columba de Pasqua: dove trovare questo insolito pane pasquale per l'Italia negli Stati Uniti

Il museo ha sottolineato di aver sempre agito “in modo responsabile e proattivo” in relazione alle accuse relative alla sua collezione. Tuttavia, ha aggiunto, “dove le prove non sono state fornite, e anche quando Mia ha prove che dimostrano ragionevolmente che l’accusa non è supportata”. Mia ha rifiutato di trasferire il lavoro.

Il museo ha descritto il nuovo divieto italiano sui prestiti come “contrario a decenni di scambi tra musei”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *