L'Italia segna la sconfitta fascista nella disputa sulla censura televisiva – Uractive

L'Italia celebra giovedì (25 aprile) la sua liberazione dal fascismo, un anniversario oscurato da una serie di censure dell'emittente pubblica incentrate sulle radici di estrema destra del primo ministro Giorgia Meloni.

La RAI, che possiede diverse emittenti televisive e radiofoniche ed è parzialmente finanziata dal canone, ha improvvisamente cancellato il monologo di un famoso autore sul fascismo che doveva andare in onda sabato 25 aprile in occasione della Festa della Liberazione.

Da mesi i critici sostengono che la Rai abbia nominato persone ideologicamente vicine al governo Meloni, di estrema destra fin dalla seconda guerra mondiale, chiamandolo “Telemeloni”.

La decisione di Antonio Scurati di tenere un monologo in cui accusava la Meloni di aver riscritto la storia del partito ha suscitato indignazione diffusa.

“La Rai non è più un servizio pubblico, ma si sta trasformando in un megafono del governo”, ha fatto eco alla leader del Partito democratico di centrosinistra Ellie Schlein, una frase usata dall'associazione dei giornalisti della Rai.

Meloni, che guida il partito di estrema destra Fratelli d'Italia, da parte sua ha negato la censura e ha risposto alla lite pubblicando il monologo di Scorati sul suo account Facebook.

Pur chiarendo cosa pensa di lui, ha suggerito che siano gli italiani a decidere da soli.

“Coloro che sono sempre esclusi e censurati dal servizio pubblico non ascolteranno mai la censura di nessuno”, ha scritto.

“Non c'è nemmeno chi pensa che la loro campagna contro il governo debba essere pagata con i soldi dei cittadini”, ha aggiunto, aggiungendo che Scurati avrebbe voluto essere pagato di più.

READ  Gran parte della Francia e parte dell'Italia diventeranno rosse sulla mappa di viaggio europea

Viva l'Italia antifascista!

Il 25 aprile è un momento emozionante per molti italiani, poiché segna la rivolta del 1945 che riconquistò molte città del nord dagli invasori nazisti e dai loro collaboratori fascisti e la liberazione del resto del paese da parte degli Alleati.

Nel suo monologo, Scurati ha accusato il partito della Meloni di “cercare di riscrivere la storia”, imputando le peggiori trasgressioni del regime nazista alla Germania di Adolf Hitler.

Meloni disse al parlamento durante il suo insediamento di non avere alcuna simpatia per i regimi, compreso il fascismo, guidati dal dittatore italiano Benito Mussolini tra il 1922 e il 1943.

Ma il suo partito è nato dalle radici del Movimento Sociale Italiano (MSI), formato dai sostenitori di Mussolini dopo la guerra, e utilizza ancora la bandiera del MSI come logo.

Domenica, Scurati ha letto il suo monologo davanti a un pubblico dal vivo a Napoli – e ha accusato Meloni di usare la sua piattaforma per “attaccarlo personalmente” e dipingergli un “bersaglio” sulla schiena.

L'autore Premio Strega ha concluso il suo intervento facendo eco all'appello di alcuni presenti tra il pubblico: “Viva l'Italia antifascista!”

“Clima malsano”

Essendo un'emittente pubblica scelta da tempo dai politici, l'indipendenza della RAI è sempre stata oggetto di dibattito.

Ma l’arrivo al potere di Meloni, che ha formato un’alleanza con il partito di estrema destra della Lega di Matteo Salvini e con Forza Italia di destra del defunto Silvio Berlusconi, ha raddoppiato queste preoccupazioni.

Pochi mesi dopo il suo insediamento, l'allora amministratore delegato della RAI Carlo Fortes – nominato dall'ex primo ministro Mario Draghi – si lamentò di “conflitto politico” nel suo ruolo.

READ  Centinaia sono stati evacuati in Italia a causa dell'incendio

Il governo lo ha sostituito con Roberto Sergio, che ha detto di voler mandare in onda “una nuova storia”.

A dicembre, il caporedattore della RAI Paolo Corsini è stato pesantemente criticato dopo essere apparso a una riunione di Fratelli d'Italia, dove si era schierato con il partito di Meloni.

All'inizio di questo mese, in vista delle elezioni del Parlamento europeo, la Federazione europea dei giornalisti ha espresso preoccupazione per un cambiamento nelle regole sull'equilibrio politico che consentirebbe ai ministri più tempo per discutere gli affari del governo sulla RAI.

“Il clima è malsano”, ha detto un giornalista della RAI che ha parlato all'AFP in condizioni di anonimato.

Questo fine settimana il sindacato dei giornalisti della RAI Usigrai ha accusato i dirigenti di voler “mettere a tacere” Scurati e un vasto “sistema di controllo soffocante” che danneggia la Rai, i suoi dipendenti e tutti i cittadini.

Ma Giampalo Rossi, direttore generale della RAI, lunedì ha denunciato l'idea della censura come “assolutamente priva di fondamento”.

Sulla cancellazione di Scurati, ha detto, è stata aperta un'inchiesta, condannando le “eccessive ricostruzioni” del “tentativo di aggressione contro la Rai”.

Ha sottolineato che il palinsesto dell'emittente mira a garantire la “possibile diversità delle storie”.

Scopri di più con Euractiv

Iscriviti ora alla nostra newsletter Elezioni europee decodificate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *