L’Italia lancia il visto per nomadi digitali

Immagine rappresentativa

I lavoratori a distanza possono ora recarsi in Italia per lavorare per aziende o clienti fuori dal Paese, dopo che l’Italia ha lanciato ufficialmente il suo programma di visti per nomadi digitali.

Dal 4 aprile, gli stranieri possono soggiornare legalmente in Italia fino a un anno attraverso questo programma. Inoltre, il visto può essere rinnovato ogni anno, secondo un comunicato stampa sul visto Schengen.

Secondo il governo italiano un nomade digitale è un cittadino di un Paese extra-UE “Anche non residente in Italia, il lavoratore autonomo ovvero il collaboratore o dipendente di un'impresa, che svolge un'attività lavorativa altamente qualificata utilizzando strumenti tecnologici idonei a consentire il lavoro a distanza” Secondo Euronews.

Il visto per nomadi digitali per lavoratori a distanza è stato recepito nella legge italiana il 28 marzo 2022.

Requisiti per il programma Visa Nomade Digitale in Italia

Numerosi paesi europei offrono programmi di visto per nomadi digitali volti ad attrarre lavoratori a distanza. Tuttavia, le regole per beneficiare di questi programmi differiscono tra i paesi che li offrono.

Il visto italiano differisce dagli altri programmi di visto per nomadi digitali dell'UE in quanto è disciplinato dall'articolo 27 del Codice dell'Immigrazione, il che significa che è rivolto a lavoratori altamente qualificati, ha sottolineato l'esperto di mobilità globale Damian O'Farrell.

Per beneficiare di questo, i richiedenti devono guadagnare € 28.000 (£ 23.992,50) o più all’anno e aver stipulato un’assicurazione sanitaria e un alloggio per la durata del soggiorno previsto in Italia. I richiedenti devono inoltre confermare di non essere stati giudicati colpevoli di un reato negli ultimi cinque anni.

Coloro che sono interessati al programma devono dimostrare di aver lavorato altrove come nomadi digitali o lavoratori a distanza per almeno sei mesi prima. Prima di richiedere un visto per nomade digitale, i richiedenti devono essere adempienti dal punto di vista fiscale in Italia.

READ  Un cappellino confezionato in carcere, è uno dei migliori d'Italia

Gli stranieri interessati a beneficiare di questo programma devono prenotare un appuntamento di persona presso il Consolato Italiano nel proprio Paese di residenza. Devono portare con sé un passaporto valido, una prova di lavoro, una prova di reddito, un'assicurazione sanitaria e una prova di residenza in Italia e un certificato del casellario giudiziale.

Dopo l'approvazione del visto, i richiedenti hanno otto giorni per arrivare in Italia per richiedere un permesso di soggiorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *