L’Italia chiede a Google un miliardo di euro di tasse non pagate

L'Italia chiede a Google di pagare 1 miliardo di euro (1,07 miliardi di dollari) in tasse e multe non pagate, hanno detto venerdì tre fonti vicine alla questione, sette anni dopo che la società americana ha risolto una storica controversia fiscale con le autorità di Roma.

Un portavoce di Google ha dichiarato in una dichiarazione in risposta a un'inchiesta della Reuters in merito a questa affermazione: “Rispettiamo le normative fiscali in tutti i paesi in cui operiamo, compresa l'Italia. Stiamo collaborando con le autorità”.

Le fonti affermano che l'Agenzia delle Entrate italiana ha avviato un processo competitivo con Google, che potrebbe concludersi o con una transazione o con l'apertura di una causa.

L’indagine è iniziata nel dicembre 2022 e le accuse coprono gli anni dal 2018 al 2022, ha affermato una delle fonti.

Come nella precedente inchiesta, anche l'indagine condotta dalla Procura di Milano sostiene che Google non ha depositato e pagato le tasse sui ricavi generati in Italia, ma questa volta la base dell'accusa è diversa, dicono le fonti.

Nel 2017, Google ha pagato 306 milioni di euro perché riteneva di avere una struttura permanente in Italia basata sui suoi dipendenti che lavoravano nel Paese.

Ora la sfida è stata lanciata sulla base dell’infrastruttura digitale esistente del Paese che gli consente di operare e generare entrate. Questo è lo stesso approccio utilizzato nel recente accordo fiscale italiano con Netflix.

Due delle fonti hanno affermato che se si raggiungerà un accordo, la linea di indagine verrà applicata a tutte le multinazionali di Internet che erano sotto sorveglianza della Procura di Milano.

($1 = 0,9342 euro)

READ  Dì addio alla tua vacanza al mare italiana preferita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *