Linus Torvalds può estrarre il supporto 486 dal kernel Linux • The Register

Linus Torvalds, il capo di Linux, ha considerato la fine del supporto per l’architettura del processore i486 nel kernel Linux.

L’architettura legacy è stata discussa la scorsa settimana in un argomento chiamato “LRU multi-gen: passeggiate nella tabella delle pagine di supporto” che ha esaminato come il kernel può gestire meglio gli elenchi meno utilizzati di recente (LRU), un modo per tenere traccia delle pagine di memoria.

Dato il sondaggio di Torvalds sul codice del contributore, sembra frustrato dalla necessità di includere soluzioni alternative che soddisfino le CPU legacy. così è ho suggerito La fine del supporto per il vecchio gruppo può essere un modo più semplice per risolvere i problemi di memoria.

“Ci siamo sbarazzati del supporto i386 nel 2012. Forse è ora di sbarazzarsi del supporto i486 nel 2022?” ha scritto.

Più in profondità nel filo, è torna all’argomento Con le seguenti note:

Questa situazione sembra essere alimentata da un po’ di irritazione, ancora più in profondità nel filo di Torvalds sospeso “Il tipo di lavoro richiesto per mantenere in vita l’i486 è il tipo di onere di manutenzione che semplicemente non dovremmo avere – nessuno sviluppatore si preoccupa davvero (correttamente) e nessuno verifica davvero questa situazione (anche correttamente – è un dispositivo vecchio e irrilevante) , “Ma significa anche che il codice non viene effettivamente eseguito in modo casuale.”

Potrebbe avere un buon punto: l’architettura i486 ha debuttato nel 1989 ed è stata sostituita dall’Intel Pentium nel 1993.

Intel si è lavata le mani del ‘486 nel 2007 e oggi dei suoi famosi dettagli database dei prodotti arca Non contiene menzione della famiglia del mago.

Chiunque sia stato sull’hardware per molto tempo ha rinunciato a farlo senza supporto, la possibilità di ottenere un nuovo batch o gli sviluppatori che hanno ripensato alla piattaforma.

READ  Mario Kart 8 Deluxe sarà sottoposto a manutenzione più tardi oggi

Fino ad ora disco Conosce una persona potenzialmente estremamente influente che potrebbe contribuire a mantenere in vita il venerabile 80486: il CEO di Intel Pat Gelsinger, che ha guidato lo sviluppo tecnologico e spesso ha detto al giornalista che gli era stato chiesto di assicurarsi che eccellesse nella gestione dei carichi di lavoro artificiali dell’intelligenza.

A 100 MHz, su un singolo core, con spazio di indirizzamento a 32 bit e 16 KB di cache.

Basti pensare che 486 non viene quasi mai menzionato quando si racconta la storia dell’IA.

E sembra che il mago passerà presto dalla storia di Linux alla leggenda di Linux. ®

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.